Serie B – I top 11 della venticinquesima giornata

Serie B – I top 11 della venticinquesima giornata

25^ giornata in Serie B. Il Cagliari batte l’Entella e si tiene stretta la vetta. Il Crotone ribalta il Bari in un concitato finale e resta in scia. Frena il Pescara, torna a vincere il Novara, si ferma ancora il Brescia. L’Avellino crolla ma resta ancorato all’ottavo posto, l’ultimo valido in chiave playoff.
Ecco il top team di giornata: 4-3-3 affidato a Christian Panucci, tecnico del Livorno.

Ujkani (Latina): L’Ascoli crea ma con lui non si sfonda. Decisivo prima su Giorgi e poi su Petagna. Porta blindata (1 solo gol subito nelle ultime 4) e Somma continua la sua scalata.

Zampano (Cotone): Entra a freddo ma fa subito sentire la sua presenza sulla fascia destra. Cinico e letale: il Crotone scarta i regali offerti dal Bari e riprende subito la sua corsa.

Volta (Perugia): Sulla scia di Crotone. Nuovamente perfetto in fase difensiva, sfiora il gol nell’assalto finale. Il Perugia ha ritrovato la sua solidità e avvicina la zona playoff.

Salamon (Cagliari): Implacabile in marcatura, abile anche in fase di impostazione. Il Cagliari soffre, ma con solidità e caparbietà fa un altro deciso passo verso la Serie A.

Mammarella (Pro Vercelli): Prima dalla bandierina, poi su azione. Ispira con il suo magico sinistro i due gol dei piemontesi come ai bei tempi di Lanciano. Foscarini respira e si rilancia in classifica.

Scozzarella (Trapani): Parte in sordina, poi sale in cattedra. La punizione del 2-2 è un piccolo gioiello. Il Trapani rimonta un bel Como e fa un piccolo passo verso la zona playoff.

Biagianti (Livorno): Entra e dopo 5 minuti piazza la stoccata vincente arrivando puntuale sul cross di Jelenic. Rispolverato da Panucci si è preso davvero una gran bella rivincita.

Di Francesco (Lanciano): Il killer del Vicenza. Sblocca la gara con una fantastica serpentina, poi offre a Ferrari la palla del 2-0. Maragliulo parte col botto: il Lanciano crede nel miracolo salvezza.

Lapadula (Pescara): Ancora un gol, ancora un assist. Il Pescara rallenta a Salerno la sua fantastica corsa ma lui timbra nuovamente il cartellino. Sempre più devastante, sempre più decisivo.

Evacuo (Novara): La dura legge dell’ex. Tutto in 3 minuti. Prima sbaglia il rigore, poi chiude la gara con una doppietta da bomber vero. Baroni rivede la luce e riapre la corsa playoff.

Donnarumma (Salernitana): Davanti al vecchio amico Lapadula non poteva sfigurare. Gol da opportunista, fiducia di Menichini ripagata. La Salernitana ha bisogno di lui per centrare la salvezza.

All. Panucci (Livorno): Il Livorno era in agonia, lui l’ha rialzato con 2 vittorie di fila. Chissà dove sarebbero adesso gli amaranto se lui fosse rimasto sempre al suo posto.to

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy