Sidigas, a Bologna obiettivo continuità

Sidigas, a Bologna obiettivo continuità

Commenta per primo!

Dopo la sofferta ma meritata vittoria casalinga contro l’Enel Brindisi, la Sidigas affronterà all’Unipol Arena, domani sera alle 20.30, nell’anticipo della nona giornata di regular season, l’Obiettivo Lavoro Bologna.

Il team di Giorgio Valli, ex coach biancoverde, esonerato dopo la negativa parentesi iniziale della stagione 2012/2013, è ancora privo del suo leader Allan Ray, sostituito in settimana dall’arrivo di un ex obiettivo di mercato della Sidigas per due estati consecutive, Courtney Fells, protagonista di un ottimo esordio contro Varese, realizzando 18 punti e catturando 6 rimbalzi.

I bianconeri viaggiano a quota 4 punti, ultimi in graduatoria, ottenendo le uniche due vittorie in campionato, tra l’altro, contro squadre di rango come Sassari e Venezia.

Bologna è una squadra altalenante, capace di prestazioni al di sopra delle righe e di tonfi incredibili, come il -27 incassato a Brindisi nella seconda giornata.

Coach Valli può contare su un quintetto base equilibrato, che fa affidamento principalmente sul duo Gaddy-Pittman.

Il play di Tacoma è dotato di un’ottima visione di gioco e capacità di gestire i ritmi della gara, giocatore completo e con grande talento.

Il lungo, 211 cm per 129 kg, vanta una lunga esperienza in Nba. Scelto dai Miami Heat al secondo giro del Draft Nba 2010, è rimasto in Florida per tre stagioni. Nella stagione 2012, quella dell’anello Nba, è sceso in campo con gli Heat in 38 occasioni (con 2.9 punti e 1.9 rimbalzi di media), giocando accanto a stelle come Lebron James, Chris Bosh, Dwyane Wade.

Centro possente, che fa sentire la sua presenza nel pitturato su entrambi i lati del campo.

Il settore esterni è particolarmente pericoloso da oltre l’arco dei 6,75, con buoni tiratori come l’ex Caserta Michele Vitali, Pendarvis Williams, lo scorso anno autore di un’ottima stagione in LegaDue ad Agrigento, ma a rischio taglio, e uno dei talenti emergenti del basket italiano, Simone Fontecchio.

Oltre a Pittman, la batteria dei lunghi è completata da Mazzola, ala grande dalle mani educate, Rod Odom, giocatore solido e bidimensionale, e il gigante di 221 cm Gino Cuccarolo, tecnicamente grezzo, ma intimidatore sotto le plance.

Completano il roster i giovani Oxilia, Fabiani e Vercellino.

La Sidigas, fortemente incerottata, parte comunque favorita sulla carta, forte del successo contro Brindisi e di certezze che sta pian piano ritrovando.

Fondamentale contro Bologna far valere il maggior tasso tecnico e di esperienza, soprattutto negli esterni, ricercando lo stesso livello di intensità per tutto l’arco dei 40 minuti e una continuità di risultati, uniche medicine per affermarsi in un campionato ancora tutto da decifrare.

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy