Sidigas, arriva l’ultima gioia casalinga con Cremona

Sidigas, arriva l’ultima gioia casalinga con Cremona

In un clima da ultimo giorno di scuola (e da amichevole estiva in termini di presenza di pubblico) la Sidigas Avellino batte la Vanoli Cremona 84-79 e si congeda con un sorriso dal suo pubblico col terzo successo casalingo nel girone di ritorno. Novità alla vigilia è l’esclusione dagli undici di Sundiata Gaines (ufficialmente per problemi alla schiena).
Fischi e contestazione alla squadra a fine gara al roster, applausi a Frates e all’ex Pancotto. L’alley oop di Banks per Harper inaugura una gara dal poco significato per la classifica della Sidigas Avellino. Se i padroni di casa cercano con insistenza i suoi lunghi nei minuti iniziali, lo stesso fa la Vanoli che sfrutta i centimetri di Campani nel pitturato biancoverde da cui nasce la tripla di Clark a cui risponde pan per focaccia Harper sullo scarico di Anosike. I tre punti dell’ex Magic fanno da intermezzo alle conclusioni dalla lunga distanza di Hanga e Banks che decretano un break di 9-0 cui Pancotto pone rimedio con un timeout da cui consegue la bomba di Bell (13-12 al 5’). Si accende Green che insacca due triple in un amen che valgono il 23-20 che vengono annullate dai liberi di Vitali e dalla bimane di Daniel a fil di prima sirena.

La Scandone esce bene nel secondo quarto guidata da un positivo Cavaliero che porta avanti i suoi con cinque punti in pochi istanti che decretano il 30-26 sul tabellone. Mian in palleggio-arresto e tiro tiene aperti i discorsi ma dal palleggio si rivela efficace anche capitan Cavaliero che insacca il secondo tiro dai 6,75 metri che vale il 33-28. Sono le seconde linee da una parte e dall’altra ad avere la scena in questa fase del match: Campani è bravo a punire dalla media distanza così come Trasolini che si fa trovare pronto sull’assist di Green inchiodando il 37-32. Botta e risposta da dietro la linea dei tre punti tra Hanga e Vitali. Anosike sentenzia il + 5 (42-37) all’intervallo. Canestro stregato nei primi due minuti della ripresa con entrambe le sfidanti sporcano le proprie percentuali e sprecando al tempo stesso un numero elevato di possessi: un solo tiro a bersaglio, quello di Harper su rimbalzo d’attacco. La Vanoli si sblocca con Campani che vola sopra il ferro per il trentanovesimo punto siglato dalla sua squadra. Anosike fa sentire tutti i suoi muscoli contro Gazzotti e regala ad Avellino il + 10 (49-39) correggendo un precedente errore in penetrazione di Green. Hayes chiude un minibreak lombardo di 6-0 mentre otto sono le lunghezze in favore degli irpini dall’undicesimo e tredicesimo punto di serata per Harper (53-45 al 28’). Si fa notare anche Ferguson che piazza la tripla del 57-50 al 30’. La Sidigas prova la decisiva fuga con Cavaliero a cui non si è raffreddata la mano dall’arco (60-51). Anosike ribadisce il +9 ma viene fuori il carattere della Vanoli che ricuce lo strappo dando vita ad un altro miniparziale che la rimette in partita al 35’ (62-59 firmato Hayes dalla lunetta). Avellino gioca di reattività e rimette nuovamente le marce alte con Cavaliero e Hanga scavando un solco di 11-3 a tre giri di lancette dalla fine. Bell interrompe il digiuno offensivo per Cremona che si rimette in carreggiata con Clark e Vitali (75-70). Il gioco da tre punti decreta la fine, condita dal ritrovato successo, per i lupi che mantengono fatta da coach Frates alla vigilia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy