Sidigas, è l’ora di fermare Pistoia

Sidigas, è l’ora di fermare Pistoia

Commenta per primo!

Una vittoria in casa all’esordio contro Brindisi e due fuori dalle mura amiche contro Pesaro e Trento.

Questo il cammino convincente in questo inizio di campionato per la Giorgio Tesi Group Pistoia di Vincenzino Esposito, che si trova a punteggio pieno e che sorprende soprattutto per la fluidità del gioco collettivo.

Ottimo finora il lavoro dell’ex coach di Caserta, chiamato dal ds pistoiese Iozzelli a costruire da zero una squadra che ha visto la sola conferma del play/guardia italo argentino Ariel Filloy.

Pistoia può vantare uno dei migliori assi play-pivot del campionato, con Moore e Kirk presenti in tutte le principali statistiche. Il primo, già allenato da Esposito nei i suoi trascorsi a Caserta, è un play tascabile con grande visione di gioco, un assistman.

Il secondo, nonostante i suoi 213 cm e 114 kg, è un vero e proprio play aggiunto, dotato di un’ottima capacità di passaggio e di una mano molto educata dall’arco dei 6,75, con un ottimo 57%, anche se con soli sette tentativi in tre gare disputate.

Altro esterno pericoloso è Knowles, capace di attaccare il ferro e di aprire il campo per imbeccare le triple dell’altro ex Caserta Antonutti e dello stesso Kirk.

Pistoia può disporre anche di due buoni giovani talenti statunitensi: l’atletica ala piccola Blacksheare, protagonista di un avvio di campionato al di sotto delle aspettative, e l’altra matricola Thornton, che però non sarà del match per infortunio, ma verrà sostituito dal solido polaccone Czyz, visto anche a Brindisi, ingaggiato a gettone e probabilmente alla sua ultima gara in casacca biancorossa.

Completano il roster l’ottimo prospetto Erik Lombardi e i giovani Mastellari e Severini.

Partita non impossibile per la Sidigas, nonostante l’ottimo stato di forma dei toscani, purché gli uomini di Sacripanti sappiano gestire i ritmi (provvidenziale in questo senso il ritorno di Taurean Green), scendano in campo con cattiveria e intensità difensiva, evitando blackout durante le fasi di gioco.

Sarà fondamentale affrontare il match con concentrazione sin dalle prime battute per non subire la pressione del pubblico del PalaCarrara, carico e pieno di entusiasmo e per tendere il primo sgambetto all’attuale capolista.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy