Sidigas, ore decisive

Sidigas, ore decisive

A poco meno di tre mesi dall’avvio del campionato (start fissato per il 4 ottobre),  inizia  muoversi qualcosa (sic) per la Sidigas Avellino. Secondo quanto riportato da Sportchannel, ieri sera patron De Cesare  ha incontrato nel suo quartiere napoletano Piero Bucchi. Al centro dell’incontro la proposta di mister Sidigas di voler affidare la panchina biancoverde al trainer bolognese. La proprietà irpina é intenzionata a  metter sul piatto un’offerta allettante per convincere il tecnico dell’Enel a ritornare sui suoi passi e sposare la causa bianconverde. La partecipazione all’Eurocup dei pugliesi rende la trattativa più complessa. De Cesare é pronto a sfruttare l’incognita relativa al budget brindisino. L’accordo fra gli adriatici e lo sponsor Enel non é stato siglato: si ragiona sulla base triennale con una riduzione del 25 % (si é vociferato anche del 50%) rispetto all’ultima annata. Uno scenario che, a detta di qualcuno, avrebbe invogliato i brindisini a volersi liberare del contratto di Bucchi (il cui cachet risulterebbe essere leggermente più basso di quello percepito in Irpinia dall’ex Vitucci) salvo poi arrivare nelle scorse settimane la rinnovata fiducia dal presidente Fernando Marino. De Cesare in queste ore tenterà il tutto per tutto per portare ad Avellino il suo obiettivo numero uno per la guida tecnica. L’alternativa potrebbe essere Stefano Sacripanti (che giocoforza rientrerá in corsa se arrivera il no di Bucchi)  ma qualche sorpresa non é da escludere.

Spinelli – E’ lui il prescelto alla carica di team manager: nel CdA fissato tra sette giorni verrà resa nota la sua scelta ai membri del Consiglio d’Amministrazione. La tifoseria é divisa in termine di opinioni sull’effettiva valenza di un ritorno del puteolano come dirigente. Il tempo, come noto, sarà galantuomo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy