Tesser: “Trotta spero resti, prematuro parlare di undici titolare”

Tesser: “Trotta spero resti, prematuro parlare di undici titolare”

A fine partita mister Attilio Tesser può ritenersi soddisfatto per il primo test effettuato dalla su squadra  contro la rappresentativa altoirpina.
«Si è trattata di una buona sgambata – afferma il tecnico friuliano – Mescolo sempre le formazioni per conoscerci meglio, faccio sempre ruotare tutti e non c’è nessuna indicazione sull’undici da schierare in campo. Poi il tempo per migliorare ce n’è. Sono contento per il comportamento e per l’impegno esemplare dei ragazzi».
L’ex allenatore della Ternana è conosciuto per la sua fede al 4-3-1-2 in cui la scelta delle due punte sarà un rebus quando si ha a disposizione gente come Trotta, Tavano e Castaldo: «Spero che Trotta rimanga perché è un buon calciatore e non credo che sia in uscita. Con Tavano,Trotta, Castaldo e Mokulu l’attacco è al completo numericamente parlando. L’importanza di una rosa lunga è determinante. A centrocampo speriamo di recuperare Zito e D’Angelo velocemente.  Dovrebbe arrivare un elemento a centrocampo per completare la rosa». L’argomento cade sul possibile arrivo di Moretti: «Si è messo in evidenza come interno di centrocampo e se verrà ad Avellino verrà proposto in una nuova posizione ossia agire davanti alla difesa». Su Togni dice: «Si è escluso da solo».
A parlare è stato poi anche Davide Gavazzi, uno dei volti nuovi della rosa irpina: «Ci stiamo allenando da pochi giorni ma c’è già una buona intesa. Posso giocare sia a destra che a sinistra».L’ex doriano ammette che: «Anche prima della chiamata con Tesser c’era stato qualche contatto coi lupi. Con Attilio mi sono trovato bene nella mia esperienza a Terni». Sugli obiettivi usa la prudenza: «Daremo il massimo in ogni uscita, sarà il campo poi a giudicare».

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy