Valerio non fa drammi: “Ad Empoli una sconfitta che può farci crescere”

Valerio non fa drammi: “Ad Empoli una sconfitta che può farci crescere”

Ad Empoli è arrivata la prima sconfitta stagionale della Farine Magiche Ariano dopo i successi contro Ancona ed il blitz di Brindisi. Una gara non semplice quella in terra toscana per il team guidato da coach Iris Ferazzoli che ha misurato le proprie capacità contro un team che era ancora all’asciutto di punti e che di fatto ha festeggiato i primi due punti stagionali. In casa ufitana non si fanno drammi per il passo falso ma si guarda con fiducia alla prossima sfida di campionato: «Empoli è un’ottima squadra, ben messa in campo che ci ha creato non pochi problemi con le percentuali al tiro – afferma l’ala Camilla Valerio autrice di una buona prestazione lo scorso sabato – Giocando contro una squadra con elementi che già si conoscono da alcune stagioni, la loro maggior intesa è risultata decisiva quando noi abbiamo commesso gli errori che ci sono costati la partita».  Le Farine Magiche ripartono dunque dalla tenacia con cui sono rimaste aggrappate al match per l’arco degli interi 40’ nonostante i problemi di falli di Celmina e Cupido e l’assenza di Marta Vargiu: «Dobbiamo migliorare le dinamiche d’attacco – spiega l’ex cestista della Carpedil Salerno. Non si è visto il bel gioco come con Ancona ma partiamo dal presupposto che dobbiamo mettere tanta intensità sul parquet per provare a nascondere qualche nostro difetto, essendo ancora in fase di rodaggio». Che Ariano non sia al 100% della forma lo confermano le basse percentuali al tiro da due punti: «E’ indice che la squadra può fare meglio, scegliere delle soluzioni offensive in cui tira un elemento libero. L’assenza di Marta (Vargiu ndr), la nostra tiratrice dall’arco un po’ la si è avvertita. Credo che in questo momento non sia l’unico aspetto da dover perfezionare».  Non ci sono rimpianti per non aver anticipato la difesa a zona che ha limitato in area la gigante Pochobradska: «Rispettiamo le decisioni del nostro coach che ha ritenuto fosse necessaria soltanto in quel momento della gara». Bolzanina di nascita, campana di adozione, Camilla Valerio ha scelto Ariano dopo il torneo in A2 dello scorso anno con Salerno: «Mi sto trovando bene – conclude – Sono uno degli elementi che può dare qualche consiglio alle compagne di squadra visto che ho già giocato questo campionato ma ho scelto Ariano per crescere in ogni aspetto del gioco sotto la guida di un coach esperto come Iris Ferazzoli».

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy