Volata secondo posto e play off di Alfredo Bartoli

Volata secondo posto e play off di Alfredo Bartoli

A cinque giornate dal termine, è quasi tutto definito. Milano non sembra poter essere toccata da alcuna formazione per il primo posto alla fine della regolar season mentre, al contrario, Caserta sembra rassegnata alla retrocessione, ormai staccata di 5 punti dal penultimo posto. Resta da definire la griglia play off sia nell’assegnazione degli ultimi due posti, che nella griglia di partenza. Proprio Caserta e Milano hanno dato vita al posticipo testacoda con cui si è chiusa la 25ima giornata. La squadra di Esposito ci ha provato, ma alla fine si è dovuta arrendere ai Campioni d’Italia: 78-82 il ounteggio finale con 20 punti per Ivanov da un parte e 17 del figliuol prodigo Gentile dall’altra. La bagarre per il secondo posto, al momento, vede favorita Reggio Emilia che sembra essersi ripresa dopo il piccolo calo di rendimento di un mesetto fa. Grazie ad una tripla di Kaukenas, i ragazzi di Menetti battono 70-67 Venezia, la raggiungono in classifica e la sopravanzano grazie al 2-0 negli scontri diretti. Oltre alla tripla della vittoria, Kaukenas è il migliore dei suoi con 15 punti (come l’altro lituano Lavrinovic), mentre a Recalcati non bastano i 20 di Peric. Perde invece l’occasione di raggiungere le dirette concorrenti, la Dinamo Sassari che si fa sorprendere in casa da una Trento sempre più protagonista ed ora quarta in classifica, a 4 punti dai sardi. Nell’84-92 finale, il mattatore per Buscaglia è il solito Tony Mitchell, MVP di giornata, con 31 punti e 6 rimbalzi, mentre Logan e Dyson (50 in due) non riescono nel miracolo. Appaiata a Trento (ma con lo scontro diretto a sfavore) c’è Brinidisi che regola 89-77 Pistoia al PalaPentassuglia con 27 di Denmon e 18 e 13 rimbalzi di Mays. Per i toscani che, per ora, restano fuori dai play off, 19 di C.J.Williams e 13 con 8 rimbalzi di Amoroso. Non si ferma Bologna che resta sola al settimo posto con 24 punti, battendo Varese 86-78 con 18 e 4 assist di Ray e 18 con 9 rimbalzi di White. Ai lombardi di Caja (il cui arrivo non ha portato i frutti sperati) non basta un ottimo Maynor da 18 e 9 assist. Riprendono il cammino, rilanciandosi in zona post season, sia Cantù che Cremona vincitrici rispettivamente in casa con Capo d’Orlando e a Pesaro. Metta World Peace sta iniziando a carburare come dimostano i 19 punti e 4 rimbalzi messi a referto nel 93-67 finale, mentre la Vanoli ritrova la vittoria con il convincente 74-89 dell’Adriatic Arena con 4 uomini in doppia cifra che rendono vani i 31 di Wright per i marchigiani.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy