Atripalda Volleyball, vittoria e tre punti contro Eboli

Atripalda Volleyball, vittoria e tre punti contro Eboli

Commenta per primo!

Atripalda batte Eboli e conquista la seconda vittoria consecutiva. La squadra biancoverde sfrutta i due turni casalinghi e riesce a risalire in classifica. Tre punti importantissimi quelli conquistati che fanno morale per il prosieguo del campionato di serie C, nonostante le assenze del capitano Matarazzo e del centrale Spina, sostituiti egregiamente da Ferdinando Marra e Marco Spica. La squadra atripaldese però non parte benissimo entrando non  ben concentrata in partita e  concedendo troppi errori gratuiti agli avversari che ringraziano e riescono a conquistare il primo set con il punteggio di 25 a  20. Nel secondo set si gioca con Atripalda che parte decisa e riesce a conquistare un margine considerevole che porta la squadra biancoverde a vincere il set con il punteggio di 25 a 18. Stesso punteggio a favore della squadra di Matarazzo che conquista anche il terzo set sbagliando di meno e giocando in scioltezza con un De Palma che non sbaglia un colpo. Nel quarto set Atripalda riesce a contenere il ritorno dell’Eboli e a portarsi avanti di quel poco che basta per vincere la gara con il punteggio di 25 a 21. Vittoria importante per il morale con Atripalda che così sfrutta in pieno il doppio turno casalingo per risalire la classifica e riesce a portarsi a quota 9 raggiungendo Cava che sarà il prossimo avversario dei biancoverdi. In testa il Marcianise non perde un colpo ma alle sue spalle un campionato molto equilibrato. Soddisfatto mister Matarazzo: “Una vittoria che sicuramente fa morale e in cui c’è stata la conferma dei miglioramenti che si erano visti contro Nola. Contento per i ragazzi che hanno giocato di meno e che oggi hanno trovato spazio perché hanno dato il loro importante contributo per il buon esito della gara. Marra ha fatto una prestazione ordinata sostituendo al meglio Matarazzo. E soprattutto mi fa piacere della buona prova di Marco Spica, all’esordio in stagione e che ci rende orgogliosi del lavoro fatto in settimana”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy