All-In #AvellinoBrescia: Castaldo, non c’è due senza tre

All-In #AvellinoBrescia: Castaldo, non c’è due senza tre

Novantanove giorni dopo, riparte la Serie B. Ecco il nostro nome su cui puntare per il primo match della stagione

di Domenico Abbondandolo, @domenicoabb

Rieccolo, il lupo. Novantanove giorni dopo, riparte la Serie B. È un Avellino profondamente rivoluzionato quello che per il quarto anno consecutivo si presenta ai blocchi di partenza del campionato cadetto. Con una nuova guida tecnica, una nuova idea di gioco e con molti giovani desiderosi di emergere e di farsi apprezzare nel grande calcio. Il precampionato, tra amichevoli deludenti ed eliminazione in Coppa Italia per mano del Bassano, non è stato esaltante. Ciò, unito ad un mercato privo di fuochi d’artificio rispetto al recente passato e al fatto che la rosa sia incompleta, ha scatenato la contestazione dei tifosi. Ma ora il momento delle parole sta per finire. Toccherà ai fatti dire se quest’Avellino è pronto per quello che si prospetta, come di solito è la Serie B, un difficilissimo campionato. Partire bene sarà fondamentale. Per dare sicurezza al gruppo, per mettersi al riparo da eventuali penalizzazioni legate al caso scommesse e per creare un po’ di sano entusiasmo nell’ambiente. Magari una vittoria alla prima porterebbe Taccone a fare qualcosa di importante negli ultimi giorni di mercato. Il Brescia di Christian Brocchi, che sfiderà i lupi al Partenio sabato sera, pare essere l’avversario giusto nel momento giusto. Le Rondinelle, infatti, stanno vivendo un momento di grande difficoltà. La squadra è molto giovane e i risultati raccolti sinora sono molto preoccupanti (eliminazione dalla Coppa Italia contro il Pisa). Pensare ad un successo dei lupi non è proibitivo. La salvezza va costruita tra le mura amiche e la partita con il Brescia è una di quelle da non sbagliare. Le squadre di Brocchi, poi, si battono sempre allo stesso modo. Il tecnico bresciano chiede ai suoi difensori di impostare l’azione e di non spazzare mai la palla. Basta marcare i centrocampisti, fare pressing alto e prima o poi i difensori sbaglieranno. Chiedere, per informazioni, a chi segue il campionato Primavera o agli attaccanti della Feralpi Salò, che di recente hanno battuto per 6-1 le Rondinelle. A mettere pressione alla giovanissima difesa lombarda ci penserà Gigi Castaldo. Ed è per questo che il primo All-In stagionale è sul numero dieci, uno dei punti fermi dai quali riparte l’Avellino di Toscano. Uno dei leader che dovranno guidare i più giovani. Una delle certezze su cui costruire la quarta salvezza consecutiva. Con la sua esperienza e la sua astuzia toccherà a lui punire la difesa del Brescia. D’altronde Castaldo è un esperto del gol all’esordio. Nella stagione 2013-2014, contro il Novara (finì 2-1 per i lupi), l’attaccante di Giugliano realizzò il primo gol dell’Avellino del ritorno in B. Allo stesso modo, nel 2014-2015, fu Castaldo a decidere, nei minuti finali, la prima gara di campionato contro la Pro Vercelli. Sempre in gol, sempre all’esordio, sempre al Partenio. La cabala è dalla sua. Ora toccherà al bomber portare avanti questa curiosa statistica. D’altronde si sa, non c’è due senza tre.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy