All-In #AvellinoPisa: tutti all’attacco

All-In #AvellinoPisa: tutti all’attacco

La partita della verità. Sabato al Partenio-Lombardi l’Avellino ospiterà il Pisa in quello che si preannuncia come un vero e proprio scontro diretto per la salvezza

La partita della verità. Sabato al Partenio-Lombardi l’Avellino ospiterà il Pisa in quello che si preannuncia come un vero e proprio scontro diretto per la salvezza. I biancoverdi, dopo aver raccolto un solo punto negli ultimi tre match, devono obbligatoriamente tornare alla vittoria per migliorare la propria classifica (vincere significherebbe superare i nerazzurri, distanti solo 2 punti) e per superare il momento difficile. Già, le difficoltà. Sono proprio queste ad accomunare il cammino delle squadre allenate da Toscano e Gattuso. Se l’Avellino non vince da tre gare, addirittura il Pisa è a secco da otto incontri. E addirittura non segna dalla gara con il Latina (22 ottobre, quasi 400 minuti fa). I toscani, non a caso, hanno il peggior attacco del campionato con soltanto 6 reti all’attivo. Non se la passa meglio l’Avellino, che con 8 reti è al secondo posto di questa speciale classifica (alla pari con il Trapani). Se i problemi offensivi del Pisa erano pronosticabili, però, non si può dire lo stesso per gli irpini. Ad inizio anno nessuno avrebbe immaginato che un reparto composto da calciatori come Castaldo e Ardemagni, Verde e Mokulu potesse aver realizzato soltanto 5 (su 8 totali) reti in quattordici giornate. Pochi gol che sono la logica conseguenza delle poche occasioni create. Se non si crea, non si segna. E se non si segna non si vince. Con il Pisa bisognerà cambiare marcia, dunque. Nonostante l’undici di Gattuso vanti la miglior difesa dell’intera cadetteria con sole 9 reti subite (al pari del Benevento). Di queste 9, 3 sono arrivate nelle ultime due gare. Segno che il muro difensivo nerazzurro comincia a dare segni di cedimento, sicuramente dovuti alla situazione surreale che i calciatori stanno vivendo per i problemi societari. E l’Avellino dovrà approfittarne andando all’attacco. Per farlo è favorita la coppia Mokulu-Ardemagni, con Castaldo pronto a subentrare. È dai loro gol che dipende il destino dell’Avellino. Un destino che va sfidato a suon di gol.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy