All-In #LancianoAvellino: Jidayi, il ritorno del guerriero

All-In #LancianoAvellino: Jidayi, il ritorno del guerriero

A Lanciano l’Avellino dovrà confermare i segnali positivi di Vercelli e Tesser ritrova il suo Jolly

A Lanciano per blindare la salvezza. Dopo la buona prova e il buon punto raccolto nella delicata trasferta di Vercelli, i lupi biancoverdi si apprestano a giocare un altro scontro diretto lontano dal Partenio, questa volta in terra abruzzese. Una sfida interessante quella del “Biondi”, che vedrà opporsi due squadre con zero voglia di sbagliare. Una sconfitta, infatti, potrebbe rigettare i lupi nella zona playout e allo stesso modo i frentani devono mirare al bottino pieno per provare ad abbandonare la terzultima posizione attualmente occupata in classifica (dovuta ai sette punti di penalizzazione). L’Avellino, dopo il mese orribile vissuto con Marcolin in panchina, sta ritrovando orgoglio e compattezza. La prova offerta a Vercelli è lì a testimoniarlo.Solo un pò di sfortuna ha impedito agli uomini di mister Tesser di raccogliere l’intera posta in palio. Comunque, l’atteggiamento della squadra con annessa immediata reazione allo svantaggio lascia ben sperare.

A Lanciano l’Avellino dovrà confermare questi segnali positivi. E dovrà farlo nonostante l’emergenza che ha riempito l’infermeria biancoverde: a parte lo squalificato Paghera, non saranno a disposizione Tavano, Pisano e Rea. Arini e Bastien si allenano a parte. Persino Castaldo si è fermato in settimana.

D’altro canto Mokulu rientrerà e con lui anche Jidayi. Eccolo il rientro più pesante. In un momento decisivo e con diversi uomini fuori, il rientro del jolly ex Juve Stabia è una vera manna dal cielo per Tesser. Jidayi infatti può rappresentare una valida alternativa per tamponare l’emergenza sia in difesa (con Biraschi spostato sulla destra) che a centrocampo. Con Paghera squalificato e Arini non al top è più facile pensare che il classe ’84 venga schierato come perno davanti alla difesa. Consistenza e solidità. Intelligenza tattica e filtro. Jidayi sembra essere proprio l’uomo giusto per il tipo di gara che deve giocare l’Avellino. Una gara concreta. E poi Jidayi le partite sa anche sbloccarle: di testa può davvero far male ai frentani. Ecco perché l’Avellino cala il jolly. Per chiudere il discorso salvezza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy