[Amarcord] 18/02/79: 40 anni fa la prima vittoria del’Avellino in trasferta in Serie A. De Ponti stese il Verona

[Amarcord] 18/02/79: 40 anni fa la prima vittoria del’Avellino in trasferta in Serie A. De Ponti stese il Verona

Il primo successo dell’Avellino negli anni della Serie A, in trasferta, è datato 18 febbraio 1979

di Marco Costanza, @MarcoCostanza5

Nella rubrica amarcord oggi ripercorriamo la prima storica vittoria dell’Avellino in Serie A. Sono trascorsi, infatti, esattamente 40 anni, da quel 18 febbraio 1979, quando l’Avellino ottenne la sua storica prima vittoria in trasferta nel massimo campionato italiano. I lupi di Rino Marchesi diedero una grande svolta alla corsa per la salvezza, superando il Verona che si giocava le sue ultime carte per restare in massima serie. Fu una vittoria importante, che fece davvero credere all’intero popolo irpino, che l’obiettivo salvezza fosse possibile e che quell’anno, non sarebbe stato solo di passaggio in Serie A.

A siglare quel successo, per 1-0, fu l’attaccante De Ponti a pochi minuti dalla fine, quando lo 0-0 sembrava ormai scritto. Da un’azione solitaria di Mario Piga, insuperabile, la sfera veniva messa in mezzo dove De Ponti batteva in uscita il portiere scaligero Superchi. Il Bentegodi fu gelato, per il Verona una sconfitta che sancì di certo la retrocessione (veneti che chiusero poi ultimi quella stagione). Per l’Avellino una straordinaria vittoria.

Fu un successo importante, che resterà nella storia dell’Avellino, per la prima grande vittoria fuori casa, in Serie A.

TABELLINO

Verona 0-1 Avellino, Stadio Bentegodi, 18/02/1979

Marcatori: 84′ Gil De Ponti (A)

Verona: Superchi, Logozzo, Gentile, Spinozzi, Massimelli, Mascetti, Franzot, Esposito, Trevisanello, D’Ottavio, Calloni. All. Chiappella.

Avellino: Piotti, Romano, Di Somma, Cattaneo, Beruatto, Tosetto, Mario Piga, Montesi, Adriano Lombardi, Boscolo, De Ponti. All. Rino Marchesi.

 

Nel video la sintesi di 90° minuto di quella gara

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy