Gargarismi – “Petto in fuori. Mi sono commosso. Questo e’ l’Avellino che sogno…”

Gargarismi – “Petto in fuori. Mi sono commosso. Questo e’ l’Avellino che sogno…”

Il pensiero di Omar Gargantini sul capolavoro dei lupi contro il Verona

Commenta per primo!

Caro direttore,

ma che partita abbiamo fatto oggi? Gargarismi è nato, se vogliamo, cavalcando toni a cavallo tra l’ironia sarcastica e la polemica, ma quando è giusto esaltarsi, sono felicissimo di uscire dai canoni “abituali”. Ho visto un grande Avellino: una squadra sempre più quadrata e ben messa in campo, che corre e che finalmente ha pure fatto proprio un pizzico di cinismo. La mano di Novellino è palese, il gruppo lo segue e i numeri sono inequivocabili. Dopo Trapani ero onestamente perplesso perché sono convinto che si poteva vincerla (se c’avessimo davvero provato), ma oggi non ho appunti né critiche. Anzi, i quattro punti in queste due partite sono un bottino ragguardevole, a maggior ragione perché abbiamo avuto due giorni in meno per prepararla. Il filotto di imbattibilità si allunga, la classifica migliora. Bisogna solo continuare così: sperando che anche Eusepi e Solerio possano al più presto trovare il modo di allargare la rosa dei titolari. Perché se c’è un “pericolo” concreto, al di là della penalizzazione che rimane incombente, è che ormai Novellino ha scelto il “suo” Avellino e gli altri sono riserve. Fa bene a fidarsi dei titolari, ovvio: ed altrettanto evidentemente significa che nei rincalzi crede un po’ meno. La serie B però è lunga, dura e logorante: sarebbe folle pensare di affrontarla con un gruppo ristretto di giocatori. Ci sono le squalifiche, gli infortuni, i cali di condizione: mi auguro che il mister sappia tenere tutti sulla corda, farli sentire parte integrante così da ottimizzarne il rendimento quando (poche volte, appunto) li chiamerà in causa. A mio modo di vedere Djimsiti, Jidayi, Moretti (che acquisto, bravo De Vito stavolta!) e Ardemagni sono insostituibili. Sono la spina dorsale attorno alla quale va a muoversi il resto della squadra. Oggi l’Avellino mi ha commosso e straordinario è stato l’apporto della curva. Stasera posso uscire a cena felice. E a petto in fuori.

Omar Gargantini

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy