Avellino Basket – Sacripanti: “Voglio una Sidigas con questa mentalità, testa alle Final Eight”

Avellino Basket – Sacripanti: “Voglio una Sidigas con questa mentalità, testa alle Final Eight”

Il tecnico biancoverde elogia la prova dei suoi: “Piano partita rispettato alla perfezione”

di Davide Baselice, @davidebaselice

Può sorridere coach Pino Sacripanti per una vittoria che lascia ben sperare in vista del debutto in Coppa Italia di giovedì prossimo contro la Vanoli Cremona. Il tecnico della Scandone commenta così il successo ottenuto contro la The Flexx Pistoia: “Abbiamo fatto una bella prova sotto tutti gli aspetti: difesa e controllo del ritmo, buona circolazione di palla e limitando le palle perse. Posso essere soddisfatto della prova di tutti. E’ chiaro che quando hai le rotazioni ampie tutto diventa più facile. Mi fa piacere l’attenzione messa dai giocatori nel non prendere canestro in transizione. Siamo riusciti a giocare tanto post-up sia coi lunghi che con gli interni ed abbiamo attaccato bene la zona. Pistoia, pur senza Bond, è una squadra che si è sempre giocata le partite e si è sempre battuta in tutte le partite precedenti. Mi fa piacere aver dato spazio a Parlato che si è ben comportato in campo come, ad esempio, trovare il giusto passaggio per Zerini.”

Il tecnico della Scandone sottolinea quanto sia importante avere la giusta mentalità da parte di tutti coloro che scendono in campo: “Il sogno di un allenatore è avere dieci Scrubb che lo metti in campo dopo dieci minuti di panchina ed ha quello impatto. La forza della squadra è che ognuno che entra in campo abbia un ottimo impatto. La mentalità di Thomas è da prendere come esempio. Questo tipo di solidità dà la forza a tutti noi a prescindere dall’atteggiamento di chi hai di fronte.”

Chi può migliorare è Dez Wells mentre Ariel Filloy vive un momento di stanchezza dal punto di vista fisico: “Wells un giocatore di estremo talento e, senza screditare gli altri, è uno di quei giocatori che sa costruirsi il tiro da solo. E’ al suo primo anno in Europa e paga qualche caso di inesperienza. Deve capire che questa pallacanestro è fatta di spazi e tempistiche giuste. Se migliorerà questi aspetti diventerà un top-player.” Sull’italo – argentino crede che: “Ariel alterna momenti alterni: è uno dei giocatori di riferimento.”

Dopo la sosta delle Nazionali in squadra lentamente si unirà anche Shane Lawal: “Su Lawal non so dirvi quando rientrerà di preciso sul campo: al momento che farà un 5vs5 avremo le idee maggiormente chiare. Dopo la pausa entrerà piano piano in squadra.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy