Basket Avellino – Nel tempio di Petrović la Sidigas vuole il tris di vittorie con un Ragland in meno

Basket Avellino – Nel tempio di Petrović la Sidigas vuole il tris di vittorie con un Ragland in meno

Il regista negli Usa, Avellino sfida un Cibona Zagabria in crisi di risultati in Champions League. Spicca il duello Randolph – Zizic

In uno dei tempi della pallacanestro della ex Jugoslavia, la Sidigas Scandone Avellino questo pomeriggio scenderà sul campo del Cibona Zagabria per giocare la sua terza gara nel girone D della Basketball Champions League. Il tris di vittorie è l’obiettivo della formazione allenata da coach Stefano Sacripanti che affronta la sua seconda trasferta in terra balcanica dopo quella di due settimane in Serbia sul campo del Mega Leks

Sidigas senza Ragland – I biancoverdi, giunti ieri pomeriggio dopo esser partiti in mattinata con un doppio volo (scalo intermedio a Monaco di Baviera), si presentano a quest’appuntamento privi di Joe Ragland che è dovuto rientrare negli Stati Uniti a causa di un lutto familiare che non gli permetterà di giocare la partita contro la formazione di Mulaomerovic. Ci sarà maggior spazio per Retin Obasohan (che potrebbe giocare anche minuti da regista) così come per Giovanni Severini data l’assenza del regista di West Springfield. La Scandone vuol tener il passo di Tenerife e Juventus Utena anch’esse occupanti il primo posto del girone D.  I lupi vorranno riscattare il ko del 26 novembre 2008 quando il Cibona s’impose al tempo supplementare per 82-79 nella fase a gironi di Eurolega.

Cibona chiamato al riscatto – Due sconfitte nei primi ottanta minuti in Europa. Zagabria va alla ricerca del primo acuto in questa manifestazione dopo esser stato travolto all’esordio da Tenerife (57-85) e sconfitto di misura contro il Mega Leks (81-79). Blasone, tradizione, cultura cestistica ed una bacheca che può contare ben quarantaquattro titoli (dai 18 campionati nazionali fino a due Coppe Campioni). Quando si pensa al Cibona la mente va a Drazen Petrovic, il miglior cestista europeo  degli ultimi trent’anni della pallacanestro continentale che è riuscito a farsi largo anche in Nba prima che un incidente stradale nel 1993 mettesse fine alla sua strepitosa carriera e vita. La stella del team croato è Ante Zizic , pivot di 210 centimetri che è stato scelto con la chiamata n.23 dai Boston Celtics nell’ultimo Draft. A far coppia sotto le plance c’è l’ex Sutor Montegranaro, l’esperto Željko Šakić. Cestisti navigati sono presenti anche nel reparto esterni con l’ala Marin Rozic (unico reduce dalla sfida in Eurolega di otto anni fa) visto a Livorno nel 2003-2004 e la guardia Nebojsa Joskimovic. Il playmaker titolare è Elijah Johnson messosi in evidenza l’anno scorso all’Efes Istanbul. Nelle ultime ore il Cibona si è rinforzato con il play – guardia  Scottie Reynolds visto a Brindisi nella passata stagione.

Randolph vs Zizic- Questa sera si affronteranno da una parte Levi Randolph che risulta essere il secondo miglior marcatore della competizione con 22,5 punti di media (in 30′ di utilizzo) mentre dall’altra parte Ante Zizic occupa la nona posizione con 18 punti ad allacciata di scarpe.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy