Basket Avellino – Sacripanti: “Giocare gare come con Reggio Emilia è una emozione unica”

Basket Avellino – Sacripanti: “Giocare gare come con Reggio Emilia è una emozione unica”

Il tecnico della Scandone presenta l’atteso match di domenica: “Vogliamo riscattarci dopo il ko in Coppa”

Quella contro Reggio Emilia non è una gara come le altre. Il recente passato, la posta in palio, un fattore casalingo da dover sfruttare. C’è grande attesa in casa biancoverde con la Sidigas che ha già iniziato da ieri a preparare nel dettaglio la partita contro la Grissin Bon: “E’ il match che tutti si aspettano: vale i due punti ma ha un sapore particolare. – afferma coach Sacripanti in conferenza stampa – E’ la continuazione di una sfida cominciata l’anno scorso sin dalla Coppa Italia e proseguita sino alla recente Supercoppa. Abbiamo un ko a testa: c’è la bellezza di giocare partite di questo genere. Noi giocheremo questo incontro come tutte le altre ma non possiamo nascondere la particolare emozione: chi gioca e chi allena vogliono vivere una simile adrenalina.”

Il duplice impegno tra campionato e coppa  non vuol essere un ostacolo per un appuntamento che può dire già qualcosa su questa prima parte di stagione: “Arriviamo a quest’appuntamento reduci da un impegnativo ciclo di partite che proseguirà fino al prossimo mese. Dovremo sopportare la fatica nel miglior modo possibile.”

Temibile, ricca di talento ed esperienza è la compagine guidata da Max Menetti: “Reggio Emilia viene da partite in cui ha giocato un’ottima pallacanestro. Arriverà senza l’impegno della Coppa. L’assenza di Stefano Gentile li ha quasi facilitati. Conosco bene il ragazzo ma il fatto che la Grissin Bon giochi una sola competizione ha creato maggior spazio per tutti. Ognuno ha trovato il proprio ruolo: Reggio Emilia è cresciuta anche col reparto lunghi, in particolare Polonara e Cervi. Si preannuncia una bella partita.”

Sul rendimento di Fesenko il coach biancoverde è fiducioso: “Mi sembra che sia cresciuto, riuscendo a tener bene i contatti. Mi sembra sbagliato dire che sia fuori forma.”

La Sidigas difensivamente dovrà fare attenzione su Needham che qualche grattacapo lo ha creato nell’ultima serie di semifinale playoff: “Può cambiare le partite, è inutile nasconderlo.  Tiene il ritmo elevatissimo ed è un giocatore difensivamente elementi come il nostro Ragland. Mi auguro che il piano partita venga rispettato..”

Nel post gara con Ostenda ha colpito l’immagine di Obasohan continuare a tirare dopo la partita: “Ha voluto sfruttare la sua gran energia approfittando anche della situazione. I giocatori devono lavorare sulla crescita personale. Un fondamentale come il tiro va allenato nei tempi morti prima o dopo l’allenamento. Retin può migliorare ancora tantissimo, è sulla giusta strada. Abbiamo deciso di lavorare con delle sedute specifiche di tiro. ”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy