Basket Avellino – Vitucci: “L’esperienza in Champions ha reso ancor più temibile la Sidigas”

Basket Avellino – Vitucci: “L’esperienza in Champions ha reso ancor più temibile la Sidigas”

L’ex coach biancoverde ricorda il compianto Luca Melchionne: “Grande tifoso della Scandone, sarà una gara particolare”

Commenta per primo!

“Riprendiamo il campionato, per la prima partita del girone di ritorno – esordisce il coach della Fiat Torino, Francesco Vitucci parlando al portale del club – contro la squadra che in questo momento con Venezia rappresenta la principale antagonista di Milano nella lotta di vertice. Una compagine forte che sul telaio dello scorso anno ha aggiunto e cambiato qualche giocatore, altrettanto importanti rispetto a quelli che non vestono più la maglia dei campani”. Cosa dovrà fare la Fiat Torino per partire con il piede giusto?: “L’impegno è durissimo, pertanto dovremo offrire una prestazione di alto livello, entrando in campo con positività. Abbiamo recuperato quasi tutte le problematiche fisiche dei nostri giocatori e questo rappresenta una nota importante”. L’esordio ad Avellino era stato buono. Cosa è cambiato da allora?: “Direi molto – prosegue il coach – perchè se da una parte qualche nostro giocatore è progredito, dall’altra il fatto di giocare una Coppa europea ha dato ad Avellino una capacità ancora maggiore di leggere le partite e di aver un ritmo gara elevato ed importante. Peraltro alcuni temi dell’andata si riproporranno perchè entrambi i roster sono rimasti pressochè invariati”.

Chi dobbiamo temere maggiormente?: “La Sidigas è forte nel suo complesso. Green è l’elemento che ha fatto spesso la differenza in stagione ed è uno dei migliori giocatori del campionato, soprattutto in relazione ai minuti giocati. Il suo ingresso ha spesso cambiato le partite. E’ bravo tatticamente ed è in un ottimo momento di forma fisica”. Chiudiamo con un ricordo di coach Vitucci, ex del match: “Giocare contro Avellino questa volta avrà per il sottoscritto un significato particolare perchè ci ha improvvisamente e prematuramente lasciati un amico e grande tifoso della Scandone al quale ero molto legato, Luca Melchionne”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy