Basket Avellino – Zerini non fa drammi: “Serve mentalità per uscire da momenti simili”

Basket Avellino – Zerini non fa drammi: “Serve mentalità per uscire da momenti simili”

L’ala centro analizza lo stop nel posticipo in casa della Reyer Venezia e mette in guardia da Cantù: “Accoppiamenti difensivi insidiosi”

Due trasferte, zero punti. Il bicchiere è vuoto in casa Sidigas Avellino in seguito alla doppia trasferta in campionato tra Brindisi e Venezia.  All’orizzonte c’è l’impegno casalingo contro la Mia Cantù di domenica pomeriggio al PaladelMauro: “Nella sfida contro la Reyer ci ha condizionati il primo tempo ma nella parte finale della partita siamo arrivati a corto di energia per dare la spallata decisiva. Occorre mentalità per uscire da momenti simili” spiega Andrea Zerini intervistato da Ottochannel.

L’ala toscana saluta con piacere il ritorno in squadra di Joe Ragland: “Ha la capacità di realizzare dei canestri incredibili tanto da meravigliarci anche noi. C’è bisogno di lui per non far cadere tutto il peso della regia su Green.” Su Logan è fiducioso: “E’ un realizzatore incredibile ed  un’ottima persona, ci darà una mano nei playoff. Gli è servito del tempo per inserirsi nei nostri meccanismi.”

Sulla prossima sfida di Cantù, che si giocherà le ultime chance di poter lottare per un posto nei playoff, c’è da vendicare lo stop dell’andata: “E’ un’avversaria contro cui bisogna fare grande attenzione negli accoppiamenti difensivi. Vogliamo vendicare il ko di Desio. Hanno aggiunto Cournooh che è un atleta incredibile.”

Sull’accoppiamento Venezia – Tenerife nelle semifinali della Final Four della Basketball Champions League dice: “E’ un peccato vedere gli altri aver fatto strada ma l’Umana ci ha battuti in entrambi gli appuntamenti europei. Noi almeno una volta gli spagnoli li abbiamo superati. Che vinca il migliore.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy