Basket – C’è un tris da centrare: la Sidigas vuol confermarsi la vera “Stella del sud”

Basket – C’è un tris da centrare: la Sidigas vuol confermarsi la vera “Stella del sud”

La Scandone chiude la domenica della palla a spicchi col posticipo del PalaPentassuglia: rientra l’allarme per Green e Zerini

Poco pù di dodici mesi fa (era il 14 marzo 2016), la Sidigas Avellino conquistava al PalaPentassuglia di Brindisi la decima vittoria consecutiva in quella striscia vincente che la portò dalle paure del post derby perso in casa con Caserta alle soglie della vetta. Come un anno fa la Scandone sfiderà l’Enel in posticipo ma questa volta di domenica sera (20:45) e non di lunedì. Sulla strada dei lupi c’è un’altra avversaria di valore dopo Reggio Emilia e Sassari quale la formazione di Meo Sacchetti che occupa l’ottavo posto in classifica e che farà debuttare il centro ex Milano Samardo Samuels al posto di Danny Agbelese.

Complicata è la trasferta in Puglia per gli uomini di coach Sacripanti che nel pomeriggio hanno lasciato l’Irpinia dopo la rifinitura di questa mattina al PaladelMauro a cui hanno preso parte anche Marques Green e Andrea Zerini (sarà l’ex di turno) che in settimana hanno manifestato dei problemi muscolari. Non ci sarà Joe Ragland che in queste ore lascerà gli Usa per far rientro in Italia e domani sera dovrebbe essere presente in tribuna a sostenere i suoi compagni di squadra per la terza gara di fila.

La stessa Enel è reduce dalla sconfitta contro la Mia Cantù per 83-77 ma davanti al proprio pubblico non perde dal 7 gennaio scorso quando ad imporsi fu l’Umana Reyer Venezia. Ad arrendersi successivamente sono state Pistoia, Varese e Cremona.

I due punti in palio sono di capitale importanza per i biancoverdi che vogliono lanciare un messaggio chiaro all’Umana Reyer Venezia (avversaria lunedì 3 aprile al PalaTaliercio) che aprirà la 24° giornata con l’anticipo al PalaMaggiò di Caserta. Avellino, inoltre, avrebbe la possibilità di collezionare la terza vittoria in dodici mesi contro la compagine di patron Marino – considerando quella dello scorso anno più il 76-73 del 27 novembre 2016 in cui si registrarono i 22 punti di Joe Ragland e i 19 di Robert Carter.

L’ala- centro di Thomasville è il terzo miglior realizzatore del roster biancoazzurro dietro Amath M’Baye che si conferma essere il migliore di squadra in questa statistica nonché il quinto realizzatore della lega (19,2 punti a singola allacciata di scarpe). Di fronte ci saranno i due cestisti che conquistano il maggior numero di falli: da un lato Kyrylo Fesenko (5.9), dall’altro Durand Scott (5,6). Interessante il duello dietro la linea dei tre punti fra Nic Moore (44,6 %) e Adonis Thomas (44,3 %), rispettivamente quarto e quinto miglior tiratore da dietro la linea dei 6,75 metri.

Tanti gli spunti quanto le difficoltà in una partita in cui la gestione del ritmo e la capacità di Brindisi nel poter alzare il volume del gioco – secondo il credo della filosofia cestistica di Sacchetti – potrebbe metter in difficoltà la Scandone che, a sua volta, vorrà confermarsi la vera Stella del Sud della palla a spicchi. Seppur col supporto dei soli cinquanta tifosi che potranno accomodarsi nella zona del palazzetto riservato alla tifoseria ospite.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy