Basket: Pesaro per uscire dal tunnel, la Sidigas Avellino per blindare il 4° posto

Basket: Pesaro per uscire dal tunnel, la Sidigas Avellino per blindare il 4° posto

Seconda trasferta consecutiva per la Scandone ospite della compagine marchigiana guidata dall’ex Boniciolli

di Davide Baselice, @davidebaselice

Nel ritiro di Porto San Giorgio questa settimana la Sidigas Avellino ha lavorato da mercoledì per preparare al meglio la seconda trasferta consecutiva che la vedrà protagonista domani alle 17:30 sul campo della Vuelle Pesaro nella 24° giornata.

Di fronte ci saranno due avversarie con obiettivi diversi ma accomunate dalla necessità di dover far punti. Gli adriatici, guidati in panchina dall’ex Matteo Boniciolli (il condottiero della vittoria in Coppa Italia nel 2008 che nelle Marche ha preso il posto di Massimo Galli) sono coinvolti nella lotta per non retrocedere – con due punti di vantaggio sul fanalino di coda Oriora Pistoia – e reduci da sette sconfitte consecutive, l’ultima in ordine di tempo sabato scorso contro la Virtus Bologna per 78-70.  Tra le mura amiche la compagine marchigiana non vince dall’ultimo appuntamento del girone d’andata contro la Fiat Torino imponendosi per 102-98. Dopo il giro di boa l’unico squillo per Monaldi e soci è arrivato nella trasferta a Pistoia. Avere il migliore marcatore  del campionato per la Vuelle, che risponde al nome di James Blackmon jr con 20,3 punti di media, non è bastato sin qui per dare una svolta alla stagione che sembrava aver preso un indirizzo interessante quando nel mese di novembre erano arrivati tre successi consecutivi. Dal match d’andata al PaladelMauro (9 dicembre), in cui la difesa perfetta della Scandone sull’ultimo possesso pesarese aveva negato la possibilità di tirare, è iniziato un trend pericoloso con 13 ko in quindici uscite. E’ lecito attendersi un’avversaria che, ha aggiunto nel suo roster il playmaker americano Mark Lyons (9 punti di media in 4 apparizioni sin qui) e giocherà col coltello tra i denti dovendo tener d’occhio poi cosa faranno le dirette rivali per la salvezza quali Pistoia (impegnata a Brescia), Reggio Emilia in casa con Brindisi e Torino che giocherà stasera l’anticipo a Trento delle 20:30. Boniciolli dovrà scegliere chi portare tra i dodici tra Lamond Murray o il giovane classe 2000 Aleksander Shashkov.

Avellino, invece, vuol tornare a fare la voce grossa lontano dall’Irpinia. Solo pochi mesi fa questo aspetto non rappresentava un problema per i ragazzi di Vucinic che conta di avere a disposizione (seppur non al top della forma) Ariel Filloy e Hamady Ndiaye. Ridotte, ma non escluse, le chance di rivedere all’opera Demetris Nichols in campo anche se domenica scorsa a Venezia è stato iscritto a referto. Col rientro dell’italo – argentino e del senegalese il trainer di Belgrado avrà più di una soluzione a disposizione in un match che vedrà la Sidigas favorita sulla carta (l’ultimo ko degli irpini contro la Vuelle risale all’annata 2013-2014).

Tornare ad affermarsi in trasferta darebbe tanto sul piano psicologico ad una squadra perseguitata dai ripetuti problemi di infermeria (e anche di strutture compresa l’indisponibilità momentanea del PaladelMauro anche per gli allenamenti infrasettimanali).  La Scandone dovrà vincere anche per tenere il passo delle concorrenti (Cremona, Brindisi e Varese) in chiave 3° e 4° posto. Sykes e soci ne sono ben consapevoli. Con l’avvento della primavera l’augurio è che i lupi ritrovino le giuste energie in questo rush finale di stagione regolare. Ad arbitrare il match saranno i signori Lo Guzzo, Di Francesco, Quarta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy