Basket – Sidigas con il terzo posto sicuro e uno sguardo al secondo. Ma è tutto oro quello che luccica?

Basket – Sidigas con il terzo posto sicuro e uno sguardo al secondo. Ma è tutto oro quello che luccica?

Avellino arriva alla vigilia dei playoff con alcune certezze ma molti punti di domanda

La Scandone Avellino si gode la vittoria nel derby contro la Pasta Reggia Caserta e il raggiungimento del terzo posto in classifica matematico. Così come la scorsa stagione,gli uomini di Sacripanti potrebbero quindi partire con l’identica posizione nella griglia dei playoff. Potrebbero, perché c’è ancora una speranza, lieve, di poter raggiungere il secondo posto. Ovvio bisognerà che Venezia perda le due restanti gare: domani a Sassari e in casa domenica l’ultima di regular season contro una affamata  Enel Brindisi con la Scandone che dovrà fare risultato a Trento. Difficile possa verificarsi questo ma la possibilità c’è ancora.

Parlando concretamente Avellino arriva alla vigilia dei playoff con alcune certezze ma molti punti di domanda. In attesa di sapere l’avversaria, analizziamo quello che la Sidigas sta facendo vedere ultimamente. Quello che è sotto gli occhi di tutti è che il gioco latita e spesso e volentieri viene regalato un quarto alla rivale di turno.

E’ successo con Caserta, con Capo d’Orlando, Cantù e Brindisi. Mentre nelle ultime tre gare si è stati bravi a rimediare, a Brindisi si è perso male proprio a causa di un quarto regalato. Occorrerà quindi che tutto ciò non avvenga nei playoff, perché potrebbe essere letale. Altro punto di riflessione è che la Scandone ha sì tante bocche da fuoco, ma non un gioco corale come l’anno scorso. Spesso le partite sono vinte grazie ai singoli, alle folate offensive dei vari Ragland, Logan o Green, per citare anche Leunen decisivo a Capo D’Orlando. Si dipende troppo dai singoli e non dal gioco che aveva entusiasmato in passato.

Sicuramente di positivo c’è che la panchina è abbastanza lunga per affrontare la lotteria logorante dei playoff e che anche l’esperienza, oltre che il talento non manca. Da migliorare, sicuramente, è la fase difensiva e gli approcci alla gara, che nei playoff saranno decisivi. In attesa di ritrovare Fesenko, ottimo l’impatto del nuovo arrivato Shawn Jones che, dopo il bell’esordio della scorsa settimana, si è confermato alla grande nel derby con Caserta. Un ragazzo chiamato solo per tamponare queste settimane l’assenza del centro ucraino ma che si sta facendo valere alla grande e di certo metterà in difficoltà Sacripanti nelle scelte tra non molto quando Fesenko dotrebbe essere nuovamente arruolabile. Ma, in attesa di rivivere le emozioni della post season e sognare così come l’anno scorso, c’è da vivere ancora una giornata di regoular season che ci regalerà l’avversaria e magari, anche la possibilità di un secondo posto. L’atto finale della stagione della Scandone ormai sta per partire.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy