Basket – Solaini: “Trieste cliente non facile, chiudere tra le prime quattro per Avellino sarebbe solo da apprezzare”

Basket – Solaini: “Trieste cliente non facile, chiudere tra le prime quattro per Avellino sarebbe solo da apprezzare”

Il telecronista di Eurosport: “La Sidigas adesso è padrona del suo destino”

di Redazione Sport Avellino

Oggi giocare con Trieste non è facile. E un brutto cliente. L’arresto del presidente, come spesso accade in vicende simili, ha finito per stimolare quel senso innato di ribellione al destino. Ma Trieste è anche una squadra ben allenata con un tecnico, Dalmasson, molto al centro del progetto. 150 punti beccati all’andata possono ritornare utili nella preparazione emotiva del match. Non si ribalta la differenza canestri, ma perdere significa farsi agganciare da Trieste con il 2-0 a sfavore.”  E’ il pensiero di Andrea Solaini, voce di Eurosport intervistato oggi da “Il Mattino” in cui avvisa la Sidigas Avellino sulle insidie che può riservare un match come quello di martedì sera alle 20:30 al PaladelMauro.

Dopo la sconfitta a Pesaro sul banco degli imputati è finito coach Nenad Vucinic insieme al resto della squadra: “Si è detto molto su di lui. La sua filosofia di gioco può piacere o non piacere, ma tutte le volte che ha avuto a disposizione gran parte del roster i risultati sono arrivati. Se ci si aspetta da lui una pallacanestro più ragionata o dei tatticismi difensivi spinti, è evidente che si può rimanere delusi. Alla luce delle vicissitudini, la stagione è positiva. Chiudere al terzo o al quarto posto ritengo poi sia un risultato eccellente.” 

A sei giornate, dal termine dal terzo all’ottavo posto, è attesa una intensa battaglia per conquistare la migliore  posizione:  “A quota 28 punti sei padrone del tuo destino. Bisogna blindare il Pala Del Mauro e non ci saranno problemi. I punti racimolati nelle tre trasferte, da Sassari a Pistoia passando per Milano, faranno la posizione nella griglia.”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy