Basket – Ultima chiamata (quasi) per i playoff: la Sidigas Avellino all’esame Torino

Basket – Ultima chiamata (quasi) per i playoff: la Sidigas Avellino all’esame Torino

Al PaladelMauro nel turno di Pasqua c’è la Fiat alle prese con le vicissitudini societarie

di Davide Baselice, @davidebaselice

Quattro giornate alla conclusione della stagione regolare e un destino da scrivere per entrambe. Questa sera (palla a due ore 20:00) al PaladelMauro è in calendario Sidigas Avellino contro Fiat Torino. Le previsioni di inizio anno scommettevano su uno scontro d’alta classifica tra queste due formazioni che, al contrari, si ritrovano a combattere per due obiettivi opposti. La Scandone, infatti, è reduce da una striscia di quattro sconfitte consecutive che hanno gettato tante ombre su una squadra che non sa più emozionare rispetto ad un girone fa quando, al contrario, gli irpini riuscirono ad imporsi nella città della Mole Antonelliana col punteggio di 79-96. Sembra trascorsa una eternità eppure era il giorno di Santo Stefano quando la formazione biancoverde allenata da Nenad Vucinic conquistò la seconda vittoria consecutiva dopo i timori di una crisi societaria che avevano creato panico nell’ambiente irpino all’indomani della pesantissima sconfitta maturata a Trieste il 16 dicembre 2018. Il presente, invece, parla di un Avellino ancora in lotta per un posto nei playoff scudetto ma non così certo come potevano essere le previsioni poche settimane fa. Filloay e compagni non vincono dal 17 marzo scorso quando ottennero due comodi punti contro la Grissin Bon Reggio Emilia. Le successive tre sconfitte hanno portato alla rescissione consensuale con coach Vucinic e la conseguente staffetta con Massimo Maffezzoli, incespicato col resto dei suoi ragazzi nel 105-84 di sei giorni fa a Sassari.

La Sidigas si troverà di fronte un’avversaria reduce dalla settimana più difficile della sua storia con lo spettro del fallimento qualora mercoledì 24 aprile non dovessero esserci novità positive sul fronte societario e col patron Forni che giovedì ha pagato gli stipendi ai suoi giocatori che sono partiti ieri in treno dal Piemonte alla volta della Campania. Coach Galbiati ha dovuto fare i conti con allenamenti composti da tre-quattro elementi del roster (capitan Poeta, Anumba, Jaiteh e Guaiana).

Sulla carta la truppa di Maffezzoli – che terrà il suo esordio da capoallenatore nell’impianto di contrada Zoccolari – appare favorita ma l’atteggiamento difensivo vistosi dalla trasferta di Pesaro per arrivare all’ultima in Sardegna (oltre novanta punti di media incassati) inducono alla prudenza. In settimana c’è stato l’appello degli Original Fans affinché possa esserci un cambio di passo già a cominciare da questa sera. La società confida nell’apporto del pubblico dopo aver abbassato i prezzi per quest’appuntamento di Pasqua in cui la Sidigas augura di rialzarsi ed uscire così da un pericoloso tunnel di risultati. La Scandone Avellino, dunque, non potrà più sbagliare.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy