Basket Virtus Bologna – Sacripanti: “Difesa e tiro da tre punti, bravi i miei ragazzi”

Basket Virtus Bologna – Sacripanti: “Difesa e tiro da tre punti, bravi i miei ragazzi”

Il coach della Virtus analizza il successo contro la Scandone

di Redazione Sport Avellino

BOLOGNA – Seconda partita da ex e seconda vittoria per coach Pino Sacripanti che con la sua Segafredo Bologna ha letteralmente asfaltato la Sidigas: “Sono molto contento di una vittoria così intensa e così di squadra. La differenza l’ha fatta la nostra difesa dove dal secondo quarto in poi abbiamo subito solo 38 punti. Mi dispiace soltanto di non essere stati così intensi anche nel primo quarto, ma va dato atto ad Ariel Filloy di averci portato a scuola. Abbiamo approfittato nel secondo quarto del loro quintetto senza playmaker e con il press e le buone percentuali da 3 punti abbiamo scavato il divario decisivo. Dopo l’intervallo non era semplice mantenere Avellino sempre distante perché è una squadra dal gran talento e l’esserci riusciti anche è stato molto importante“.

Un po’ polemico quando si parla di Champions League: “Non sono solito fare critiche, però, mi dispiace molto aver sentito che abbiamo mollato la presa in Champions League perché non è assolutamente così. Abbiamo perso all’ultimo possesso contro Besiktas e Strasburgo che sono due signore squadre. Mi aspetto un palazzetto strapieno mercoledì per poter battere i greci e assicurarci così il primo posto nel girone che sarebbe un traguardo assolutamente prestigioso e meritato“.

Sulla prestazione dei singoli Sacripanti sottolinea: “Penso che Pajola abbia fatto una partita molto intelligente e concreta. A volte gli tirerei le orecchie per dei tiri forzati che prende, però, sicuramente quando gioca così lo lascio parecchio in campo. Ho fatto volutamente giocare meno tempo del solito Punter per far capire a tutti i giocatori che se un tipo di quintetto sta giocando con dedizione resta in campo, nonostante i miei collaboratori mi abbiano detto più volte negli ultimi minuti di rimetterlo. Sono felice del suo atteggiamento positivo in tal senso che anche dalla panchina è stato il primo a rincuorarmi dopo il tecnico che ho preso”.

di Massimiliano Zappella

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy