Basket – Vucinic non c’è più, via le attenuanti: da Sassari riparte la mission per i playoff della Sidigas

Basket – Vucinic non c’è più, via le attenuanti: da Sassari riparte la mission per i playoff della Sidigas

Scandone Avellino in campo alle ore 12:00 contro una delle formazioni più in forma del momento: il Banco di Sardegna

di Davide Baselice, @davidebaselice

Far peggio rispetto a quanto visto nelle ultime due partite è oggettivamente difficile. Domani alle ore 12:00 la Sidigas Avellino andrà a far visita al Banco di Sardegna Sassari nella 25° giornata di campionato.

Le attenzioni saranno rivolte sul nuovo allenatore Massimo Maffezzoli e su un gruppo chiamato a dare risposte convincenti dopo un cammino deludente nel mese di marzo coronato col ko casalingo di martedì sera contro l’Alma Trieste che ha portato alla risoluzione contrattuale con Nenad Vucinic, finito nell’occhio del ciclone dei supporters biancoverdi nonostante la stima di cui abbia goduto dalla società, in particolar modo dal Diesse Nicola Alberani che l’ha definito “una delle migliori persone che in settanta anni di storia sono passate ad Avellino“. Un’affermazione non passata inosservata tra i lettori ed appassionati.

L’attualità ci porta al match del Palaserradimigni dove Massimo Maffezzoli – a cui facciamo l’in bocca al lupo – ritroverà la squadra di cui è stato viceallenatore nell’era targata Meo Sacchetti. Il roster biancoverde sarà completo con la sola eccezione di Patric Young che sta ultimando il recupero dalla fascite plantare.

Sassari, priva del lungodegente Scott Bamforth sostituito da Tyrus McGee a cui si è aggiunto Justin Carter in luogo di Terran Petteway, punta alla quinta vittoria consecutiva e vive un ottimo momento di forma come sancito dalle vittorie a Milano (79-93) e sul parquet degli israeliani dell’Hapoel Holon nella semifinale d’andata di Fiba Europe Cup. In gran spolvero c’è Jack Cooley, il centro americano che all’andata catturò ben venti rimbalzi e che al Medionalum Forum è stato il valore aggiunto per la truppa allenata da Gianmarco Pozzecco con 27 punti a referto.

Avellino, dunque, non può più sbagliare in chiave playoff. In caso di vittoria la Dinamo aggancerebbe a quota ventotto gli irpini (all’andata nel lunch match del 23 dicembre si imposero per 86-78). L’ambiente biancoverde chiede una prestazione di carattere ed un successo per dare nuova linfa in vista di questo rush finale in cui la Scandone è chiamata a dar senso al proprio progetto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy