Cervi ai saluti: una scelta da #parupesce

Cervi ai saluti: una scelta da #parupesce

Le strade si dividono. Cervi firmerà un triennale con Reggio Emilia. Ha messo il cuore da parte scegliendo pochi euro in più. A lui l’augurio di una carriera ricca di soddisfazioni. Ma Avellino è delusa

Idolo? Traditore? Nessuna delle due. Come nel calcio anche il basket è fatto di storie di amore e odio. Riccardo ha scelto la strada degli euro. Ha messo da parte il cuore dei tifosi e del DelMauro per strappare un triennale alla rivale della semifinale playoff. Non ha capito nulla Riccardo. Non ha capito nulla della piazza e non ha capito nulla di De Cesare. Si è seduto al tavolo con un patron che giocava a carte scoperte e senza punto in mano. Ha bleffato, ha portato a casa il piatto ma non ha vinto la partita. La Scandone di quest’anno si è portata a casa i complimenti della critica. I complimenti dell’Europa intera. A differenza di altri anni De Cesare ha anticipato i tempi del mercato ha dato carta bianca ad Alberani. Ha anticipato rinnovi di contratto, ha alzato persino il budget. E ha convinto Ragland a restare. Lo ha proposto anche al “Nazionale” che per qualche euro in più ha scelto Reggio Emilia. Una decisione, per utilizzare un termine alla Cervi, alla #parupesce. Si, proprio così. Una decisione di pancia e di tasca. Avrebbe potuto ottenere lo stesso trattamento da De Cesare utilizzando un gioco diverso. Un gioco leale. In bocca al lupo a Cervi senza rancori nè polemiche. Avellino farà a meno di lui, farà a meno della sua simpatia, del suo essere un campione giocherellone. Fa nulla. Nel basket come nel calcio la conferma che le bandiere non esistono più. Resta la maglia e l’amore che i tifosi portano per essa. Nulla di più.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy