Da Tenerife alla Lituania: la Champions League comincia lentamente a delinearsi

Da Tenerife alla Lituania: la Champions League comincia lentamente a delinearsi

La Sidigas aspetta di conoscere la definizione complessiva della nuova manifestazione europea

Che la Scandone desideri giocare una manifestazione europea è un concetto ben chiaro già dallo scorso mese di marzo quando nel pieno della bagarre tra Fiba ed Euroleague, si faceva strada l’ipotesi della nascita della Champions League Basketball. Competizione che la Sidigas Avellino ha conquistato il diritto a giocarla grazie al terzo posto in classifica  e al cammino nei playoff conclusosi in semifinale.

Ai nastri di partenza ci saranno ben trentadue squadre con ventiquattro qualificate direttamente alla fase a gironi con quest’ultimi che saranno quattro. Si partirà il 20 ottobre con la stagione regolare ma chi dovrà conquistare il pass per la fase a gironi dovrà scendere sul parquet dove ad attendere ci saranno due turni di qualificazione con date già prestabilite: il 27 e 29 settembre (primo step di qualificazione) mentre il 4 e 6 ottobre si giocherà il secondo turno. Otto saranno le squadre ammesse alla nuova manifestazione della Fiba.

Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Turchia, Lituania, Lettonia, Polonia ed Israele le nazioni che comporranno il quadro europeo della kermesse. Già certe della presenza della squadra sono le seguenti formazioni: oltre alla Sidigas Avellino a rappresentare l’Italia è l’Umana Reyer Venezia. Per la Grecia presenti il Paok e l’Aris Salonicco mentre la Spagna vede la partecipazione del Fuenlabrada e Tenerife. A sventolare la bandiera tedesca sono l’Oldenburg e gli Skyliners di Francoforte mentre per la Francia il compito spetta all’Asvel Villeurbanne e allo Strasburgo. Qualche chilometro più a nord, in Belgio, c’è Ostenda in attesa di conoscere l’altra possibile compagine fiamminga.  Sul fronte dell’Est europeo  la Repubblica Ceca si giocherà le proprie chance di vittoria col Nymburk e il BK Děčín.  La Polonia, adesso, può contare sul Rosa Radom mentre la Lituana potrà contare sul Bc Juventus e sul BC Neptūnas. Spostandoci verso lo stretto del Bosforo la Turchia sarà ai nastri di partenza con due team di grande prestigio: il Pinar Karsiyaka (ex squadra di Joe Ragland) ed il Banvit.

Mancano poco meno di tre mesi e mezzo alla prima palla a due europea per Avellino ma l’atmosfera che si respira è quella delle grandi occasioni per la squadra di coach Sacripanti e tutta la provincia irpina.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy