Finalmente Sidigas, finalmente Logan, finalmente lupi

Finalmente Sidigas, finalmente Logan, finalmente lupi

Avellino corsara a Reggio Emilia dopo dieci anni dall’ultima volta: adesso testa al match con Sassari

La domenica che si é chiusa registra il successo della Sidigas Avellino a Reggio Emilia come il risultato della giornata. A distanza di dieci anni, la Scandone riesce ad espugnare il PalaBigi. L’ultima volta avvenne il 24 marzo 2007 quando l’allora Air di Matteo Boniciolli si impose ai danni della Bipop Carire per 80-84 guidata dai 30 punti di Ramel Curry e i 19 di Nikola Radulovic. Da quel giorno fino a ieri Avellino ha sempre dovuto ingoiare dei bocconi amari. La musica, invece, é cambiata ventiquattro ore fa. Da una gara che sembrava vinta ad una rimonta reggiana che aveva dato l’impressione dell’ennesima sconfitta beffa ma la pelle dura e la rabbia per i recenti ko hanno fatto la differnza. Senza Ragland – seduto in tribuna – a prendere il timone sono stati David Logan e Kyrylo Fesenko. L’americano con passaporto polacco ha guidato la riscossa biancoverde nel quarto periodo quando ha realizzato ben undici dei primi tredici punti della squadra. Personalitá e mano calda al tiro hanno fatto la differenza nonostante i primi tre periodi giocati così così. L’ex Sassari ha cominciato a bombardare la retina del PalaBigi come accadde nella finale scudetto di due anni fa. Il resto lo ha fatto una squadra che ha giocato con la giusta energia e motivazione. Di certo é difficile dire scudetto se la crisi sia stata definitivamente superata ma chi voleva risposte dopo il ko con Venezia é stato accontentato. Finalmente.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy