Galeotto fu l’incontro a Trento, Fesenko si promette biancoverde per un altro anno

Galeotto fu l’incontro a Trento, Fesenko si promette biancoverde per un altro anno

Sacripanti convince il centro ucraino che conferma la sua permanenza via social

Galeotto fu l’incontro a Trento. Prendendo in prestito la citazione nel V Canto nell’Inferno di Dante Alighieri, si può riassumere così la notizia relativa alla volontà di Kyrylo Fesenko di voler giocare un altro anno con la Sidigas Avellino. Nel corso della Trentino Cup in cui partecipano anche Italia ed Ucraina, il centro ha avuto un colloquio con Pino Sacripanti che – stando ai rumors – avrebbe trovato il placet del giocatore per restare un altro anno con la canotta della Scandone.  Sui social il giocatore di Dnipro ha postato questo messaggio all’indirizzo dei suoi fans all’ombra di Montevergine: “Davvero dopo un anno pensavate che avrei smesso di essere un lupo?”

Fesenko è fortemente voluto dal tecnico della Sidigas che avrebbe chiesto esplicitamente alla società irpina di provare a confermare l’ex Utah Jazz – non la prima scelta nell’ottica del Ds Nicola Alberani che aveva messo gli occhi su Karnowski poi volato ad Andorra. Nelle prossime ore è attesa anche questa ufficialità dopo quella giunta ieri relativa alla permanenza di Maarten Leunen, altro pretoriano del tecnico canturino e perno del progetto della nuova Sidigas Scandone.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy