La Sidigas vuol pescare in Lombardia: si stringe il cerchio per gli atleti italiani

La Sidigas vuol pescare in Lombardia: si stringe il cerchio per gli atleti italiani

Mercato in stand – by ma si battono più piste: Fontecchio stuzzicato dall’ipotesi biancoverde

Dalla Lombardia arriverà il prossimo atleta italiano nel roster della Sidigas Avellino. Gli indizi e le indicazioni che provengono da contrada Zoccolari lasciano intendere che sarà quella il prossimo asse di mercato da cui dovrà essere pescato il prossimo nuovo tassello della Scandone.

Da giorni la compagine biancoverde è sulle tracce di Marco Cusin che nell’ultima stagione ha militato in forza alla Vanoli Cremona dell’ex coach Pancotto. Sono queste le ore in cui il pivot di Pordenone (impegnato nel week end  con l’Italia nel torneo di Bologna)  dovrebbe sciogliere la riserva riguardo la sua possibile destinazione: la pista che porta alla Sidigas si è raffreddata mentre Torino e Pesaro incrociano le dita nella speranza che Cusin possa scegliere una delle due squadre (nella Marche si tratterebbe di un ritorno).

Come noto Alberani guarda anche ad altre possibilità riguardanti l’incastro degli atleti italiani nella squadra 2016-2017. La  prima soluzione è costituita dall’arrivo di Simone Fontecchio in uscita dalla Virtus Bologna e che sta per accasarsi con l’EA7 Milano. La permanenza dell’ala classe 1995 all’ombra della Madonnina è legata all’addio di capitan Gentile che ha espresso la sua volontà di voler giocarsi le chance in Nba coi Houston Rockets. Fontecchio accetterebbe la soluzione irpina visti gli ottimi rapporti con coach Sacripanti che lo ha allenato nell’under 20. Ma occorrerà parlare con la dirigenza milanese che individuerebbe in Avellino una piazza adatta alla crescita del giovane talento con la possibilità di giocare in Europa. Le conferme di Bramos e quella (quasi scontata) di Viggiano a Venezia diminuiscono le quotazioni di un approdo di Fontecchio in Laguna.

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy