L’analisi – La scarsa verve difensiva, un Thomas inguardabile e la chance di riscattarsi fra tre giorni

L’analisi – La scarsa verve difensiva, un Thomas inguardabile e la chance di riscattarsi fra tre giorni

La Sidigas spreca la possibilità di blindare il secondo posto in classifica ma si consola con un ritrovato Randolph

Commenta per primo!

La sconfitta maturata questa mattina sul parquet di Brescia non può che lasciare Sacripanti e i suoi con l’amaro in bocca. Ammessa (ed ammissibile) la grande prova degli uomini di Diana, in casa sempre pericolosi e sempre aggressivi, la Sidigas Avellino ha avuto le occasioni giuste per portare a casa la partita ma una scarsa verve difensiva glielo ha impedito.

Non c’è dubbio che i novantuno punti subiti siano il primo dato statistico a preoccupare. Effettivamente all’interno dei quaranta minuti la Scandone non è mai riuscita a fermare per lunghi tratti l’attacco bresciano, che pure è stato ispirato da un favoloso Landry. Sicuramente in questa stagione la Scandone ha dimostrato di poter contenere gli attacchi avversari per cui l’impressione che resta è quella di una squadra che ha sofferto l’approccio molto aggressivo della Germani e che non ha saputo imporre il suo tipo di partita. Un vero peccato considerando il peso che questi due punti lasciati per strada possono avere a fine campionato.

Sicuramente uno dei temi centrali della gara era l’esordio in casacca biancoverde di David Logan. L’ex Sassari ha chiuso con 10 punti e 4 assist, macchiando la sua prova con un ultimo minuto da incubo, nel quale si è reso protagonista di qualche leggerezza. La bontà del giocatore non è di certo in discussione e anche la sua condizione fisica è sembrata buona. Il problema sta nel grado di coinvolgimento e di confidenza con i compagni che non può, per ovvie ragioni, essere ancora alto.

Di sicuro Logan ha fatto vedere quello che può dare a questa squadra: tiro perimetrale, intelligenza cestistica e possibilità di far viaggiare il pallone. Quello che resta da questa sconfitta è sicuramente la grande prova di Levi Randolph, ormai ritrovato. Il prodotto di Alabama è tornato sui livelli di inizio anno, proponendo un basket variegato e una rara abilità di lettura, capacità che lo rende un giocatore interessante e prezioso, soprattutto considerando la data di nascita. Ciò che invece non può essere apprezzato è la prestazione di Adonis Thomas. L’americano è stato completamente fuori dalla partita e il suo apporto è stato minimo. Per uno che di solito incide sulle partite, questa volta il giudizio è negativo. Per la Scandone c’è bisogno di una vittoria e di un po’ di tempo per inserire Logan. Con l’Europa dietro l’angolo.

di Gianmarco Venezia

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy