Sessantotto anni di emozioni uniche: buon compleanno Scandone

Sessantotto anni di emozioni uniche: buon compleanno Scandone

Il 1 luglio 1948 nasceva il club biancoverde

L’entusiasmo che continua a respirarsi in queste settimane nonostante la sosta per la pausa estiva  testimoniano la grande passione della città e della provincia di Avellino per le sorti della Scandone che oggi festeggia i sessantotto di vita. Era il 1 luglio 1948 quando il Professor Ciro Troncone fondò la Forza e Coraggio, società che aggregava i giovani appassionati avellinesi di pallacanestro che si riunivano nella palestra delll’Istituto Commerciale in via De Conciliis.

Nel 1951 avvenne la prima affiliazione al Coni col professor Grimaldi con la società che assume il nome di Felice Scandone in onore del giornalista irpino deceduto nella Seconda guerra mondiale. Nel 1966 avvenne un’altra unione ovvero quella con la Cestistica Irpina di Ciro Melillo  che diventerà negli anni successivi uno dei presidenti della Scandone oltre a ricoprire l’incarico di Consigliere Fip.

Un percorso in ascesa quello del sodalizio biancoverde iniziato dalle serie minori  negli anni ’70 (salvo un’annata in serie B)  per poi arrivare prima alla conquista della serie C è nuovamente della serie B tra gli anni ’80 e anni ’90.  Tanti i personaggi che hanno contribuito a scrivere la storia della Scandone: dall’indimenticato Gigetto Valentino al professore Lello Giannattasio, all’ex capitano Mimmo Bellizzi o al talento sopraffino di Vito Lepore scomparso tragicamente nel 1989. Senza dimenticare i coach Enzo Parisi (arrivó la promozione in serie C1), Rino Persico o Claudio Bardini o cestisti che sono entrati nel cuore della platea irpina come Matteo Totaro, Ciro Petretta, Pasquale Di Terlizzi, Pietro Coen.

Nel 1997 si aprono le porte della serie A2 con l’allora Pasta Baronia allenata da Gianluca Tucci che batte nello spareggio la Gaverità Bergamo di Recalcati. L’apoteosi arriverà il 25 maggio 2000 quando la De Vizia Avellino di Dalmonte sbanca Jesi in gara 4 di finale playoff conquistando per la prima volta nella sua storia la serie A1. In sedici anni di permanenza nell’élite della pallacanestro tricolore la Scandone diventa una delle realtà consolidate all’interno del panorama nazionale vivendo annate indimenticabili (il nono posto nel primo anno di serie A1, la vittoria della Coppa Italia a Bologna nel 2008, la partecipazione all’Eurolega, la finale di Coppa Italia nello scorso febbraio, la semifinale scudetto) guidata da personalità che resteranno negli annali del club di contrada Zoccolari: la famiglia Benigni, l’ex gm Menotti Sanfilippo, la famiglia Ercolino e, ultima in ordine di tempo, la proprietà Sidigas.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy