Sidigas Avellino, l’ex Matteo Todaro: “Scandone, due errori. Non aver preso Menetti e il cambio tardivo di Vucinic”

Sidigas Avellino, l’ex Matteo Todaro: “Scandone, due errori. Non aver preso Menetti e il cambio tardivo di Vucinic”

Le parole di Matteo Totaro che analizza la stagione poco felice della Sidigas Avellino

di Redazione Sport Avellino

Matteo Totaro, ex bandiera della Sidigas Avellino, nella quale ha militato tanti anni fino al 1996, analizza la stagione irpina per il Mattino, parlando di alcuni errori fatti a margine della stagione, con delle scelte errate che poi hanno portato ad un finale di stagione negativo.

Queste le sue parole: “Non si può sostituire un coach della qualità di Sacripanti con Vucinic. Non controfirmare il contratto già sottoscritto da Max Menetti è stato il primo errore. Poi la stagione è proseguita con alti e bassi. Alberani non è riuscito a trovare il bandolo della matassa. Sono arrivati giocatori con caratteristiche contrastanti. È stata gestita male la situazione di momentanea crisi societaria. Bisognava prendere un altro tipo di posizione rispetto all’esposizione mediatica a cui è stata sottoposta la società in quel frangente. Ciò ha comportato la perdita di un campione come Cole ed ha cominciato ad incrinare la considerazione del club agli occhi dei giocatori. Cambio di Vucinic? Secondo errore. Troppo tardivo. Credo che sia stato assolutamente inutile nel momento in cui stato operato. Poi cambiarlo per Maffezzoli, che era già all’interno, non ha avuto molto senso. Infortuni da cosa sono dipesi? Questa domanda mi fa venire in mente un’altra domanda e non necessariamente collegata al tema che mi stai sottoponendo. Perché è stato mandato via il preparatore atletico Silvio Barnaba? Insomma troppi errori e poca progettualità”. 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy