Super Sykes guida la Sidigas Avellino: al DelMauro travolta la Grissin Bon Reggio Emilia

Super Sykes guida la Sidigas Avellino: al DelMauro travolta la Grissin Bon Reggio Emilia

I biancoverdi centrano la seconda vittoria consecutiva

di Davide Baselice, @davidebaselice

Rispetta il pronostico della vigilia la Sidigas Avellino che nella ventiduesima giornata di campionato travolge a domicilio la Grissin Bon Reggio Emilia per 91-59 . Un match mai in discussione in cui la formazione irpina ha fatto valere tutta la propria superiorità contro un’avversaria che resta ultima in classifica dopo aver incassato l’ottava sconfitta consecutiva e palesando dei preoccupanti passi indietro rispetto alla convincente ultima prova casalinga contro l’Ax Armani Milano.

IL TABELLINO DEL MATCH

C’è subito tanta intensità sui legni del PaladelMauro dove Demonte Harper è uno dei protagonisti dell’ottimo avvio in casa biancoverde con un paio di canestri a ritmi forsennati che divertono il pubblico presente. Vucinic dà fiducia a Campogrande dopo l’ottima prova offerta contro Varese mentre seduti in tribuna ci sono ancora Demetris Nichols ed Ariel Filloy. La Scandone tira con ottime percentuali da tre punti (62%) con l’ex Brindisi e Caleb Green a dirigere l’orchestra dai 6.75 metri e regalando il massimo vantaggio (14-8) prima della risalita avversaria firmata da Ben Ortner e Federico Mussini che piazzano un 7-0 di controparziale che fa scattare il primo campanello d’allarme nelle fila di casa. La Sidigas c’è con la testa senza passaggi a vuoto come nel primo tempo della sfida contro la Openjobmetis. Il gioco da tre punti di Keifer Sykes è la conferma. Reggio Emilia, sin qui molto confusionaria in attacco, riesce a rimettersi in carreggiata con la velocità di Bryon Allen e i centimetri dell’ex Riccardo Cervi nel pitturato avversario. Arriva così il momento anche di Stefano Spizzichini – non lo si vedeva in campo da qualche settimana – così come quello per un altro ex di giornata ovvero Ojars Silins. Il lettone mette lo zampino con cinque punti consecutivi che danno nuovamente adito alla grinta dei padroni di casa che riescono a costruire fino a dodici lunghezze di margine sul 43-31 con ancora Sykes sugli scudi e miglior realizzatore all’intervallo insieme ad Harper. La concentrazione resta alta per i biancoverdi che partono a razzo anche dopo la pausa per il tè caldo, in particolare col solito Sykes che si carica la squadra sulle spalle piazzando otto punti in un amen. L’impegno premia così la Scandone che vola coi tiri liberi di Caleb Green al cospetto di una Grissin Bon spaesata (cinque palle perse) in attacco e che in difesa fa acqua da tutte le parti contro l’attacco irpino che vede il canestro come una vasca da bagno: dopo otto minuti di terzo quarto sono già ventitré i punti iscritti a referto con Avellino che diverte il pubblico (72-46 al 30’). Nell’ultimo periodo va in scena un vero e proprio garbage time con Vucinic che dà fiducia al giovane Sabatino in cabina di regia che trova anche il tempo per iscriversi a referto mentre Sykes non frena il proprio senso del canestro che porta la stessa Sidigas a superare il trentello di vantaggio (91-59 al 39’). Si chiude in bellezza a contrada Zoccolari coi lupi attesi adesso dalla delicata trasferta a Venezia corsara sul campo di Milano.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy