Via le paure, fuori l’orgoglio: Sidigas Avellino – Trieste è già uno spareggio playoff

Via le paure, fuori l’orgoglio: Sidigas Avellino – Trieste è già uno spareggio playoff

Alle 20:30 al PaladelMauro la sfida che potrà dire tanto su quali potranno essere le reali ambizioni della Scandone contro un’avversaria che sogna di accedere agli spareggi scudetto

di Davide Baselice, @davidebaselice

Quindici anni dopo si torna a giocare al PaladelMauro – con un parquet perfezionato grazie ai lavori di levigatura in ottica Universiadi – la sfida tra Avellino e Trieste. Nel 2004, ultima apparizione in Irpinia dei giuliani sponsorizzati Coop Nordest, terminò con un rotondo 91-65 in favore dell’allora Air contro i biancorossi di Brian Oliver e coach Cesare Pancotto. Tre lustri più tardi è attesa una vera battaglia sui legni di contrada Zoccolari tra due formazioni che vanno alla ricerca di una vittoria in chiave playoff. Sì perchè la Sidigas con la quinta posizione e l’Alma scivolata in ottava fila dopo i risultati maturati nei match di domenica ma che non mina un percorso positivo che vede l’ex capitano Daniele Cavaliero ed il suo team reduci da quattro vittorie nelle ultime cinque uscite. In tale ottica anche i  numeri premiano la compagine del Friuli che si presenterà per l’occasione forte del migliore attacco del torneo (87.5 punti), con la seconda migliore percentuale al tiro da tre punti (38.7%) ed il terzo gradino del podio nel tiro in avvicinamento a canestro (54,5 %).

Se si guarda al match del girone di andata, i ricordi parlano della peggiore serata vissuta in questa stagione dal gruppo di Vucinic che diede vista ad una prestazione oscena sancita dal 110-64 finale cui fecero seguito cinque giorni di passione sul fronte societario col ritardo nel pagamento delle tasse e col cerchio che venne chiuso soltanto a quarantotto ore dalla successiva sfida domenicale casalinga vinta contro Sassari. Adesso chi deve scrivere il futuro societario è il club triestino che in campo ha ottenuto due larghi successi, rispettivamente a Cantù e contro Cremona. Un gruppo che in corso d’opera ha salutato i vari Walker (oggi infortunato a Brindisi) sostituito da Zoran Dragic e Ojars Silins che veste il biancoverde e che potrebbe tornare in auge – dopo la tribuna vissuta a Pesaro col rientro di Demetris Nichols -in virtù della condizione non eccellente di Ike Udanoh.

Avellino deve vincere per tornare ad appropriarsi del quarto posto e scacciare i fantasmi di un’altra crisi i cui sintomi, per la verità, sono stati già avvertiti con un rendimento esterno insufficiente per chi aspira ad entrare nei playoff. L’unico obiettivo per cui può competere la Scandone obbligata ad invertire il trend  se non vuol rischiare anche qui di arrestare anzitempo il proprio cammino. Vucinic, in conferenza stampa (QUI LE SUE DICHIARAZIONI), è stato chiaro facendo capire senza giri di parole che la ricetta è molto semplice: se vinci e fai il tuo dovere vai avanti altrimenti l’unica alternativa è guardare gli altri seduto dal divano di casa.

Sidigas Avellino – Alman Trieste palla a due alle ore 20:30. Arbitrano i signori Filippini, Grigioni e Pepponi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy