Basket – Da Sacripanti a Vucinic fino a Pianigiani: le curiosità delle Final Eight 2019

Basket – Da Sacripanti a Vucinic fino a Pianigiani: le curiosità delle Final Eight 2019

L’allenatore biancoverde al debutto, l’ex coach della Scandone alla ricerca del primo trofeo tricolore

di Davide Baselice, @davidebaselice

Chi sarà l’erede della Fiat Torino vincitrice dell’edizione 2018 delle Final Eight di Coppa Italia? La formazione piemontese è una delle assenti nella kermesse che aprirà i battenti questo pomeriggio col primo quarto di finale tra Openjobmetis Varese e Vanoli Cremona.

Quest’ultima è  la formazione con meno gettoni alle Final Eight (solo quattro partecipazioni complessivamente) e ci riproverà dopo aver sfiorato il sogno di alzare il trofeo al cielo dodici mesi fa fermandosi in semifinale. A guidarla in panchina ci sarà sempre Meo Sacchetti – già Ct dell’Italbasket – che ha già vinto questa manifestazione per ben due volte ma col Banco di Sardegna Sassari (2012 e 2013). Attenzione all’Opnejobmetis Varese che ritorna alle F8 dopo un’assenza di sei anni: nel derby lombardo ha già dimostrato di poter dire la sua in campionato (79-82 al PalaRadi il 18 novembre scorso). L’imprevedibilità resta la parola d’ordine del team di Attilio Caja.

Tra gli allenatori presenti a far meglio dell’allenatore di Altamura c’è Simone Pianigiani che in carriera ha trionfato ben quattro volte alla guida della Montepaschi Siena (dal 2009 al 2012). L’Ax Armani Milano è la favorita d’obbligo alla conquista della Coppa Italia. I lombardi recuperano sotto canestro Kaleb Tarzwecski mentre non sono al meglio della condizione sia della stella Mike James sia di Mindaugas Kusminskas sia di Jeff Brooks che Andrea Cinciarini. Out resta Arturas Gudaitis.  L’Olimpia dovrà vedersela contro la Virtus Segafredo Bologna di Pino Sacripanti, il tecnico con più presenze in una simile competizione (ben 11) ma senza questo titolo in bacheca. 

Proverà a vincere la sua prima gara nelle Final Eight l’Umana Reyer Venezia (i cinque precedenti restano negativi) che dovrà vedersela contro il Banco di Sardegna Sassari  che lunedì ha ufficializzato l’approdo di Gianmarco Pozzecco al posto del dimissionario  Vincenzo Esposito dopo il naufragio di Torino.

Infine la Sidigas Avellino alla sua quarta Final Eight consecutiva (2015 con Vitucci, dal 2016 al 2018 con Sacripanti) che farà debuttare Nenad Vucinic, l’unico tra gli esordienti in panchina per un evento del genere.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy