Basket – La serie A al giro di boa: si decidono gli ultimi posti per le Final Eight di Rimini

Basket – La serie A al giro di boa: si decidono gli ultimi posti per le Final Eight di Rimini

Dopo gli anticipi di Varese e Brindisi, si parte dal lunch match di Sassari

Giro di boa e ultimi posti per la Final Eight da assegnare. La serie A di basket giunge alla 15esima e ultima giornata del girone d’andata e la tensione è alta per definire il tabellone della Coppa Italia in programma il mese prossimo. Un vero e proprio ‘spareggiò per la kermesse di Rimini è l’anticipo di domani a mezzogiorno al PalaSerradimigni fra Sassari e Caserta: chi vince si qualifica. I sardi stanno vivendo un ottimo momento come testimoniano le ultime due vittorie in campionato, l’ultima con Venezia, e il successo di mercoledì in Champions sull’Aek Atene mentre la Pasta Reggia è in crisi, con una striscia negativa che dura ormai da quattro partite. “Ma Caserta è una squadra viva, ha giocato un’ottima partita la settimana scorsa contro Avellino, e penso che arriverà qua per tentare di fare il proprio meglio e lottare per agganciare la qualificazione”, avverte Pasquini sul fronte Sassari e Dell’Agnello, ancora privo di Bostic, conferma che “non intendiamo arrenderci proprio adesso. Abbiamo la giusta carica e siamo anche una squadra che ama la sfida, sa esaltarsi e buttare il cuore oltre l’ostacolo”.

Final Eight in palio anche al PalaGeorge fra Brescia e Pistoia. Ma se i toscani con un successo sarebbero certi della qualificazione, al quintetto di Diana – che in settimana ha salutato Passera – una vittoria potrebbe non bastare e di certo la sconfitta sancirebbe l’esclusione dalle magnifiche otto. Pistoia ci crede e del resto i tre successi di fila raccolti con Cantù, Pesaro e Reggio Emilia spingono all’ottimismo, anche se la Germani in casa segna 84.5 punti di media a partita ed è quinta in campionato mentre la The Flexx, in trasferta, ne segna solo 64.9 ed è ultima in questa statistica. In Coppa Italia ci sarà di sicuro Avellino, in serie positiva da tre partite e reduce dalla vittoriosa trasferta belga di Champions. La Sidigas riceverà al PalaDelMauro una Dolomiti Trentino che in trasferta difficilmente sfigura ma gli irpini hanno bisogno di vincere se vogliono mantenere la pressione su Milano, in campo lunedì nel posticipo contro Cantù, una classica del basket italiano. “Giochiamo l’ultima partita di un girone di andata al di sopra delle nostre aspettative, i punti in palio di questa gara sono importanti non tanto per le Final Eight quanto piuttosto per una classifica finale in ottica play off”, mette in chiaro Sacripanti. A completare il programma, domenica pomeriggio, Reggio Emilia-Cremona e Pesaro-Capo d’Orlando. La Grissin Bon in casa è una sentenza in questa stagione: sei vittorie su sei e la Vanoli ultima in classifica sulla carta sembra la vittima sacrificale ideale se non fosse per il successo di lunedì su Varese.

La Consultinvest, la squadra che segna meno in campionato (75.3) e la peggiore del campionato per valutazione (73.6), ospita invece una Capo d’Orlando convincente nelle ultime settimane trasferta di Avellino a parte e con un Drake Diener a 10 punti da 500 con la maglia dell’Orlandina e a 2 triple dal diventare il miglior realizzatore da tre della storia della formazione siciliana. “Vogliamo portare un altro pò di fieno in cascina considerato che nel girone di ritorno avremo in casa delle sfide più complicate rispetto a quelle avute nel girone d’andata – avverte coach Di Carlo – Pesaro per noi è un’occasione ghiotta per consolidare la posizione in classifica e guardare con fiducia al girone di ritorno”. Slitta invece di un giorno, a martedì 10 gennaio, l’atteso derby fra Cantù e Milano: la Lega ha concesso un giorno in più all’Olimpia rimasta bloccata dalla neve a Istanbul, dove ieri sera ha incassato la nona sconfitta di fila in Eurolega.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy