Basket – Virtus Bologna, Pino Sacripanti: “Avellino avversario duro. Hanno cambiato molto rispetto all’andata”

Basket – Virtus Bologna, Pino Sacripanti: “Avellino avversario duro. Hanno cambiato molto rispetto all’andata”

Le parole di Pino Sacripanti, coach della Virtus, che analizza la gara di domani con la Sidigas Avellino

di Marco Costanza, @MarcoCostanza5

La Sidigas Avellino domani sarà ospite nel salotto del grande ex, Pino Sacripanti, a casa della Virtus Bologna. Una gara difficile per la Scandone reduce da 6 sconfitte consecutive e che vuole provare ad invertire la tendenza, raggiungendo la forma e la condizione che aveva un mesetto fa.

Il grande ex Sacripanti, in conferenza stampa, ha così analizzato la sfida con la Sidigas Avellino.

Queste le sue parole: “Domani ci aspetta una gara molto importante in quanto affronteremo una squadra  cambiata rispetto alla partita di andata: solida  e  con giocatori importanti. Giocheremo cercando di dare il meglio di noi perché la vittoria ci permetterebbe di rimanere nella prime otto in classifica. Abbiamo bisogno di riprendere energia all’interno del nostro palazzo per conquistare punti importanti. Sono convinto che, giocando così spesso con squadre anche di alto livello, è normale che ci siano fasi positive e fasi negative. Mi piacerebbe vedere l’atteggiamento mostrato a Varese ma, ora, affrontiamo una partita alla volta. Domani  ci aspetta Avellino e poi la partita con i greci, delicatissima, per  rimanere in testa alla classifica del gruppo D della BCL”. Con la Scandone all’andata siamo riusciti a reggere il grandissimo talento avversario usando la zona e molto tatticismo; rispetto a quella partita siamo migliorati sia in difesa che in attacco. Se tolgo una parte di gara  contro  Milano, in cui siamo stati molli, credo che la squadra abbia giocato bene. A Strasburgo abbiamo reagito così come contro il Besiktas. Dobbiamo rimanere concentrati per quaranta minuti in modo da vincere. Domani ancora fuori Qvale e Cournooh.? Oggi non si è allenato Martin. Se non avremo altri problemi si, altrimenti vedremo cosa fare. Giocare così spesso comporta che i ragazzi siano sempre concentrati. Mi ha dato fastidio la partita con Milano perché potevamo giocarcela ma ci siamo accontentati di fare la nostra partitina. Con Besiktas e Strasburgo, invece, pur avendo  giocato bene, siamo usciti sconfitti. Dopo la sconfitta con Milano ho cercato di far capire ai giocatori che siamo forti e, pur avendo qualche limite, possiamo giocarcela con tutti. Ne abbiamo parlato  e ne riparleremo prima della Coppa Italia”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy