D’Angelo: “Siamo in difficoltà ma ci rialzeremo, lo dobbiamo a questa città”

D’Angelo: “Siamo in difficoltà ma ci rialzeremo, lo dobbiamo a questa città”

In vista della trasferta di Trapani è Angelo D’Angelo a parlare nella conferenza stampa infrasettimanale. Il centrocampista biancoverde parla della condizione atletica della squadra: “Ripartiamo subito da Trapani che sta passando un buon momento ma noi dobbiamo riscattarci. La partita con il Perugia è stata nel primo tempo una partita ottima ma poi siamo rimasti negli spogliatoi nel secondo tempo. Bisogna dare una scossa e non possiamo permetterci questi cali di tensione. Chi indossa questa maglia sa che deve dare sempre il massimo per la gente, per questa città però non nascondo che siamo un po’ in difficoltà ma ci rialzeremo. Noi abbiamo il dovere di rialzarci per ua città che ci da sempre tanto calore. Dobbiamo essere tutti uniti verso l’unico obiettivo”.

Il capitano biancoverde si concentra anche sulla sconfitta partorita nel secondo tempo contro il Perugia: “Quando non ci arrivi con le gambe puoi farlo con la testa. E’ molto grave quello che è accaduto sabato perchè ci mancata proprio l’attenzione e questo non possiamo permettercelo più. Abbiamo questi cali di concentrazione e siamo sfortunati che ogni volta che questo avviene prendiamo gol. Noi vogliamo fare bene e siamo pronti a dimostrarlo”.

Il ritorno di Castaldo sarà un’importante punto di partenza dal punto di vista di un’iniezione di carattere: “Ritroviamo in Gigi tanto carisma e tanta esperienza lui può essere definito come il nostro simbolo di chi si sente la maglia addosso. Non vogliamo caricarlo di responsabilità anche perchè viene da molti mesi di inattività ma dovremo supportarlo al massimo”.

Sui giovani, i nuovi volti che hanno deluso su questo inizio di stagione la piazza biancoverde, D’Angelo chiarisce che: “Se fino ad adesso qualcuno non aveva capito in quale piazza stavamo giocando oggi posso garantire che lo ha fatto. Questo spogliatoio è fatto di gente con gli attributi e noi con più esperienza faremo da ciceroni ai nuovi. Bisogna essere professionisti tutta la settimana. La trasferta di Trapani sarà difficile e abbiamo tanti infortunati, chi scenderà in campo dovrà correre per due. Oggi più che mai devono scendere in campo undici uomini prima che undici calciatori. Dobbiamo dare una risposta chiara a queste ultime prestazione non alla nostra altezza. Ringrazio il presidente che c’è sempre vicino, sa gestire le lodi come i rimproveri e dobbiamo darci una scossa anche per lui”.

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy