Tesser: “A Como ci aspetta una battaglia, guai a credere il contrario”

Tesser: “A Como ci aspetta una battaglia, guai a credere il contrario”

Sfida delicata quella del Sinigaglia di Como con l’Avellino che arriva da due vittorie consecutive e vuole continuare la serie positiva. Alla conferenza stampa alla vigilia del match mister Tesser parla dell’incontro che aspetterà i lupi: “Guai se dovesimo sbagliare atteggiamento mentale noi dobbiamo essere coscienti della nostra forza ma se ci manca l’umiltà di combattere su ogni palla avremo serie difficoltà. A Como ci aspetterà una partita molto difficile con una squadra con nomi come Cassetti, che da solo mette insieme tutte le presenze dei giocatori dell’Avellino. Dobbiamo avere massimo rispetto dell’avversario e dare il cento per cento al massimo dell’intesità, non essere al meglio sotto questo aspetto, per noi significherebbe fare un errore incredibile. La sconfitta di Terni darà voglia di rivalsa a loro e quindi noi dovremmo metterli in difficoltà nelle caratteristiche in cui trovano qualche difficoltà ma per farlo dovremo porre il doppio dell’attenzione”.

Tesser offre anche qualche spunto sui probabili giocatori che scenderanno in campo a Como: “Ligi si sta allenando con noi da 10 giorni però credo che non lo utilizzerò dall’inizio a Como perchè devo valutare anche che martedi c’è un altro match. Stessa considerazione sull’attacco con Castaldo che partirà titolare e sarà affiancato da uno tra Trotta e Mokulu. In difesa confermati Nitriansky e Nica perchè al momento sono i calciatori tra quelli a disposizione che offrono maggior esperienza e qualità”.

Poi Tesser si sofferma anche sul ruolo del trequartista nello scacchiere biancoverde: ” In campo domani potrà scendere sia Insigne che Bastien che Soumarè. Al momento ho ancore della valutazioni da fare ma credo che il “rombo” consenta al centrocampo una maggior qualità di palleggio”. Poi il tecnico si sofferma anche sul momento di Roberto Insigne: “Roberto sta passando un momento difficile ma nell’ultimo match non ha fatto male a mio avviso, si è impegnato fino alla sostituzione con spunti importanti, poi ha sbagliato qualcosa e ha perso lucidità. Credo che il ruolo che ricopre al momento sia quello migliore per garantire tecnica e qualità a una squadra sotto alcuni aspetti statica e con un centrocampo formato da incontristi. Roberto quando ha sbagliato e stato fuori, lui è patrimonio dell’Avellino non certo un peso. Date una mano a questo giocatore se volete bene all’Avellino”.

In chiusura il mister spende una parola anche per Ciriak, giocatore in prova all’Avellino: “Si sta integrando bene, ha fatto vedere delle cose interessanti.  Sarà la proprietà a scegliere, naturalmente io farò delle valutazioni tecniche sul giocatore che si inserisce nel contesto biancoverde sulle caratteristiche di Zito”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy