Abodi senti questa: 2500 “pazzi” a Bologna

Abodi senti questa: 2500 “pazzi” a Bologna

Avvisate il presidente della Lega di Serie B. A Bologna, nonostante tutto, ci andranno 2500 tifosi biancoverdi. Si proprio così. I numeri sono esatti. Arrivano dalla prevendita. 2500, ancora 2500, ripetiamo 2500. E per chi non avesse capito: 2500. Non diamo i numeri: magari riuscissimo a farlo. Saranno 2500 sistemati in 18 torpedoni che si muoveranno dal capoluogo irpino a partire dalle ore 8. Almeno una decina di mini-pullman e tanta, ma proprio tante, auto private. Avvisate il presidentissimo di Lega. L’Avellino non molla. Non molla di un centimetro. E per dirla in parole nostre, il pubblico ci sarà al di là del risultato. Pochi euro in tasca, non dollari, ma tanta passione. Pronta a fare la differenza, al di là del risultato. Quello appare scontato. Visto quello successo venerdì, l’Avellino terminerà la sua corsa al Dall’Ara. Così dicono, così pensano tutti. A dire il vero lo penso pure io. Ma avvisate Abodi, se sarà al Dall’Ara, di provare a dare anche uno sguardo al settore ospite. Perchè in 2500 ci proveranno fino all’ultimo secondo a spingere la squadra verso l’impresa. 2500, sono 2500: e non provate a contarli. Perchè come al solito, canteranno per 10mila. E daranno lezione. Ancora. A tutta l’Italia. In bocca a lupo ragazzi. Può essere l’ultima trasferta della stagione sportiva attuale. Forse. Probabile. A meno che… A meno che si permetta alla squadra di esprimersi. Ecco, a quel punto si. Potrebbe succedere. Forse. Ma non importa. Per ora tutti a Bologna. La provinciale di lusso proverà a giocarsela per vincere, trascinata da 2500 provinciali “ammalati”. Primi per presenze in trasferta, tra i primi per presenze in casa. Ditelo ad Abodi: sono 2500 ma canteranno per 10mila. Avvisatelo. E passate la voce. Fino a domani. Perchè poi, e lo sappiamo, non ne avranno per un paio di giorni. Malati dell’Avellino. Malati del calcio che non c’è più.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy