All-In #Avellino-Salernitana: per la maglia e per l’orgoglio. Avanti lupi!

All-In #Avellino-Salernitana: per la maglia e per l’orgoglio. Avanti lupi!

Un derby non è una partita normale. Un derby è una storia a sé. Un derby comprende anche cori, sfotto’ e striscioni che durano per mesi. L’ultima volta è toccato alla Salernitana esultare. 3-1 all’Arechi, nonostante la buona prova dei lupi, e da lì giù con gli insulti e le battute. Feriti nel nostro orgoglio da lupi abbiamo incassato. Ora è arrivato il momento della rivincita. Ora tocca a noi festeggiare a fine gara e  proseguire con i sani sfotto’ goliardici, a patto che lo “scontro” resti pacifico, come avvenuto nel girone d’andata. Ci sarà il pubblico delle grandi occasioni al “Partenio-Lombardi”: sold-out. La squadra è carica e ha ben capito l’importanza di questa gara. Una sfida nella sfida sarà quella che porterà, strano scherzo del destino, Antonio Zito ‘core ngrato’ a sfidare subito la sua ex squadra. Le sue parole all’arrivo in granata non sono piaciute: “Sono molto contento di vestire la maglia granata. Tutti uniti per vincere il derby”. Dichiarazioni di facciata naturalmente, ma avrebbe potuto evitare. Qui ad Avellino due cose contano più di ogni altra: la maglia e l’orgoglio. La maglia granata è importante? Quella biancoverde lo è di più. All’andata ci siamo sentiti ritorcere contro il coro “Salerno dimmi che si sente”? Allora questa volta tocca a noi cantarlo. È per questo che questa settimana si punta tutto sull’orgoglio irpino. I derby non si giocano, si vincono. Che sia una festa di sport e passione. Ma questa volta i tre punti toccano a noi.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy