Auguri Bum Bum: il sinistro che ha fatto la storia

Auguri Bum Bum: il sinistro che ha fatto la storia

Commenta per primo!

Sono 39. Auguri a Vincenzo Moretti. Ad Avellino prese l’appellativo di Bum Bum, per via di quel sinistro che ha fatto la storia dell’Avellino calcio. Cresciuto nelle giovanili della squadra della sua città, la Casertana, arrivò in Irpinia nella stagione 1995-1996. Non fu u esordio felice: nessuna presenza e il ritorno a Caserta nella stagione successiva.  Il ritorno, dopo tanta gavetta, dieci anni dopo. A quasi dieci anni di distanza torna all’Avellino, neopromosso in Serie B e allenato da Zdeněk Zeman. Esordisce così nella serie cadetta, il 23 settembre 2003, ad Avellino contro il Torino. A fine stagione l’Avellino retrocede in Serie C1. Moretti realizza 8 gol in campionato, fra cui quello del 2-0 nella finale dei play-off contro il Napoli (partita terminata 2-1) che vede riapprodare la squadra irpina nella serie cadetta. La nuova avventura in Serie B per Moretti si interrompe a gennaio, quando dopo 16 partite e 4 gol viene ceduto in prestito con opzione di riscatto al Genoa, che in quella stagione militava in Serie C1, conquistando all’ombra della lanterna con la squadra genoana un’altra promozione in Serie B in una finale dei play-off. Nell’estate 2006 riapproda ad Avellino, retrocesso in Serie C1. Nell’agosto del 2007, dopo aver rescisso il contratto con l’Avellino, passa alla Cremonese del Cavaliere Giovanni Arvedi che milita in Serie C1, con un contratto biennale. Ritorna spesso in Irpinia da commentatore. Adesso fa l’allenatore delle giovanili. Il sinistro è rimasto lo stesso. Auguri Bum Bum. Avellino non dimentica.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy