Vicenza a caccia di risposte dopo la rivoluzione di gennaio

Vicenza a caccia di risposte dopo la rivoluzione di gennaio

Dopo il pareggio casalingo con il Bari, l’Avellino si tuffa con decisione sul prossimo incontro di campionato. Sabato pomeriggio i lupi di Tesser saranno impegnati nella trasferta di Vicenza. Il cammino è ancora lungo, ma il risultato del Menti potrebbe offrire indicazioni importanti sui reali obiettivi stagionali di D’Angelo e compagni.
Il Vicenza non sta ripetendo i miracoli della scorsa stagione e si ritrova nelle zone basse della classifica, con 2 soli punti di vantaggio sulla zona playout. La formazione di Marino, notevolmente rivoluzionata (soprattutto nella zona nevralgica del campo) dal mercato di gennaio, sta pagando soprattutto il cattivo rendimento interno (13 punti raccolti in 12 partite). Lo stadio amico si è trasformato da risorsa (in casa sono state costruite molte delle fortune della scorsa annata) a problema. Marino vuole invertire la tendenza, ripartendo dall’ottima prestazione di Pescara e puntando forte sul trio Raicevic-Galano-Giacomelli, autori di 20 dei 29 gol biancorossi. Un trio che già all’andata aveva messo in notevole difficoltà la retroguardia biancoverde.
La sfida di sabato sarà per l’Avellino anche un’occasione di rivincita. Nelle ultime 3 sfide tra irpini e berici ha sempre fatto festa la squadra di Marino. È l’ora di invertire la tendenza e di sfatare il tabù. Per ritrovare una vittoria che manca ormai da un mese. Una vittoria da dedicare al grande Peppino Giannelli. Una persona squisita che qualche anno fa, apprezzando un mio articolo, mi disse di continuare a coltivare le mie passioni. Ho seguito il suo consiglio.
Grazie Peppino, ora guidaci da lassù.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy