Avellino, occhi puntati sul posticipo del “Curi”

Avellino, occhi puntati sul posticipo del “Curi”

Sogna una vittoria domani sera (ore 20.30) allo Stadio Curi contro il Varese per riportare il Perugia al quinto posto della serie B, ma Andrea Camplone, che sarà premiato per le 100 partite alla guida della squadra umbra, mette in guardia sulle difficoltà della gara con i lombardi. “Per noi questa partita sarà una grande occasione, ma anche una grande responsabilità – ha detto l’allenatore del Perugia in conferenza stampa – e non dovrà accadere di pensare di aver già vinto solo perchè loro sono ultimi in classifica. Dovremo invece giocare con il coltello tra i denti e solo così potremo portare a casa il risultato. Non dobbiamo caricare più di tanto la squadra, perchè i giocatori nello spogliatoio parlano spesso di questo grande traguardo della serie A. Contro il Varese la posta in palio sarà molto alta, essendo una gara con molte insidie, perchè è vero che nelle ultime gare loro hanno perso, ma hanno pure pareggiato. L’errore più grande sarebbe quello di pensare di aver già vinto contro il Varese ed arrivati a questo punto sarebbe un peccato rovinare tutto per troppa superficialità e sappiamo che vincendo questo campionato si aprirebbero degli orizzonti diversi per tutti noi. Ma non dobbiamo forzare troppo la mano, perchè non dobbiamo entrare in campo timorosi. Dovremo fare una grandissima partita soprattutto senza palla. Loro niente hanno da perdere, mentre noi invece abbiamo tanto da perdere”. Camplone ha sottolineato che “sulla carta può essere facile, ma così non sarà perchè loro hanno dei giocatori importanti. Per me le 100 partite sulla panchina del Perugia sono un traguardo importante e sono orgoglioso di questo traguardo, perchè sono stati tre anni importanti”. Camplone dovrà rinunciare a cinque giocatori infortunati: il capitano Comotto, oltre a Rizzo, Lo Porto, Mendez e Vinicius.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy