Avellino, baciami ancora…

Avellino, baciami ancora…

Commenta per primo!
Mokulu-Tesser
Mokulu-Tesser

 

C’ha preso gusto Tesser. Prima nella gara di addio di Trotta contro la Salernitana. Quando lo mandò nella mischia, gli sussurrò qualcosa e prima di lasciarlo andare, lo baciò. “Entra, segna, diventi un eroe e te ne vai in serie A”. Parole profetiche. Trotta entrò, segnò il gol vittoria e pochi giorni fa è andato al Sassuolo. Sette giorni dopo al Braglia. Manda nella mischia Mokulu. Lui segna, l’Avellino pareggia e va ad abbracciare Tesser. Un abbraccio forte, un bacio (ancora…), sorrisi e qualcosa bisbigliata nell’orecchio. Cosa? Un’altra profezia? Forse. Non ci interessa. Avellino, baciami ancora. E venerdì c’è il Cagliari. Di sera. Contro la vice capolista. Contro Massimo Rastelli. Avellino, baciamoci ancora. Ed ancora. Ancora.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy