“Buoni si, ma fessi no”: occhio ora alla designazione

“Buoni si, ma fessi no”: occhio ora alla designazione

Solo 90. Non è la paura. Sono i minuti che ci separano dal sogno. Senza alibi nè premesse. Il titolo la dice lunga: “Just only be wolves”. In italiano: “Basta solo essere lupi”. Appunto. Lupi veri. Gli stessi che venerdì sono stati sparati alle spalle da chi chiedeva, forse, di chiudere la partita già all’andata. Ma la gara è aperta. Serviranno due gol per portare a casa la finale. O meglio, una vittoria con due reti di scarto in 90 minuti. Niente supplementari stavolta. Non ci sarà spazio per l’eventuale appendice. Dentro o fuori in 90 minuti. Bisognerà dare l’anima, sputare sangue, mordere le caviglie, mettere paura. Si, perchè il Bologna di paura ne ha tanta. Anche Delio Rossi, arrivato in Irpinia con un atteggiamento tattico ultra difensivo con solo mezza punta in avanti. Allora non bisognerà pensare a nessuno. Manco all’arbitro, nè agli avversari. Anzi. Vanno innervositi subito. Specie Matuzalem. Uno a cui spesso saltano i nervi anche quando non deve. Bisogna tirare fuori gli artigli. Anche perchè se non vogliono vederci in finale, dovranno solo completare l’opera cominciata venerdì. E dimostrarlo nettamente davanti a tutta l’Italia. Vediamo se ci riescono. Ma prima, vediamo di riuscirci noi a metterli in difficoltà. Vediamo in quanti occasioni (se ci saranno) dubbie, fischieranno dalla nostra parte. Ma voi calciatori avete un obbligo morale nei confronti della piazza: giocarla alla morte, comunque vada. Anche a costo di fare una figuraccia. Anche a costo di prendere un’imbarcata. Serve una vittoria con due gol di scarto. Un’infinità, un’impresa. Ma serve la partita da “Libro Cuore”. Se proprio dobbiamo uscire, facciamo in modo che a deciderlo siano gli altri. Come venerdì. E sarete accolti da applausi. Il popolo irpino è un popolo contadino ricordatelo. “Scarpa grossa e cereviello fino” si dice qui. Per intenderci: siamo astuti, intelligenti e sappiamo valutare bene le cose.

Voi date il meglio, al resto ci penseranno i tifosi. A prendervi per mano per condurvi al miracolo. Poi sarà quel che sarà. Proviamoci. E se non succede, pazienza. Vorrà dire che dalla prossima stagione il Partenio-Lombardi sarà un inferno per tutti. E non accetterà ospitate e passerelle d’onore per nessuno. Manco per i presidenti di Lega. Se arriveranno. Perchè una volta va bene, ma la seconda e la eventuale terza no. “Buoni si ma fessi no” si dice sempre da queste parti. Chi vuol capire capisca.

Buona partita a tutti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy