Calcio – Mercato: tra certezze e scommesse l’Avellino prende forma

Calcio – Mercato: tra certezze e scommesse l’Avellino prende forma

Sono già cinque i nuovi acquisti dell’Avellino messi a segno dal diesse De Vito, nessuno dei quali oltre Angelo Rea la piazza ha avuto modo di conoscere sul campo visto che gli altri arrivano da campionati di categoria inferiori come Biraschi e Offredi (Lega Pro) e Giron addirittura dalla D, fino ad arrivare a Nitriansky reduce dall’esperienza nel campionato ceco. Il club si muove in silenzio per regalare a Tesser la rosa giusta per completare il suo scacchiere tattico, arriveranno altri, forse calciatori che già il tecnico veneto ha avuto alle sue dipendenze in quel di Terni, ma di sicuro la squadra per il ritiro sarà completa o quasi. Facendo riferimento alla passata stagione le analogie sono tante, dalla D arrivarono, D’Attilio, oggetto misterioso, Petricciuolo e Pozzebon, poi bocciati dall’ex tecnico Rastelli, dalla Lega Pro, il flop Arrighini e le sorprese Visconti e Regoli, più la prima a dire il vero anche se ad andare a bersaglio per ben due volte è andato l’ex Pontedera. Dalla Lega Pro arrivò anche il nuovo idolo, il portiere Pierluigi Frattali. I presupposti per fare bene nonostante tutto ci sono, certo è che Biraschi e Nitriasnky hanno due eredità da raccogliere quelle del duo Chiosa-Ely che davvero hanno lasciato il segno e Offredi dovrà tenere testa al portierone romano. Giron, sarà il sostituto di Visconti sperando che non accusi come i suoi predecessori il doppio salto di categoria. L’Avellino prende forma, ma ora come ora c’è bisogno di piazzare qualche nome di spessore per far gonfiare l’entusiasmo e decollare la campagna abbonamenti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy