Calciomercato:De Vito incontra Bigon per Ciano,questo matrimonio s’ha da fare

Calciomercato:De Vito incontra Bigon per Ciano,questo matrimonio s’ha da fare

NEWS_1373966670_131513092
Camillo Ciano ha vestito la maglia del Crotone dal 2011-2013 realizzando 10 reti

Dopo l’arrivo in biancoverde del centrocampista belga, Benoît Ladrière, l’Avellino del duo De Vito-Taccone non si ferma di certo. Infatti il Ds dei lupi ha puntato gli occhi su Camillo Ciano. Il classe ’90 di proprietà del Napoli è attualmente in prestito al Padova di Mutti. L’ex biancoazzurro non sta riuscendo ad esprimersi al meglio visto l’abbondanza di punte della compagine biancoscudata, basti pensare Rocchi e Pasquato visti all’opera al Partenio-Lombardi in occasione dell’ultima partita del girone di andata, vinta dai lupi per 2-1.  Il calciatore casertano avrebbe già manifestato la voglia di vesti re la maglia biancoverde. Per convolare a nozze però c’è un piccolo inghippo visto che il cartellino di Ciano è detenuto ancora dal Napoli. A tal proposito il Ds De Vito ha in programma per questi giorni un incontro con il Ds dei partenopei, Riccardo Bigon. Ciano cresciuto calcisticamente nel Vernall Marcianise, per poi passare al Lecco nel 2009.

Ciano cresciuto calcisticamente nelle giovanili del Napoli

Nell’anno successivo passa alla Cavese, in Prima Divisione. Nell’estate del 2011 passa al Crotone. Nella prima stagione colleziona 28 presenze realizzando sette reti. Nella stagione successiva viene confermato il prestito, dove colleziona 38 presenze e solo tre reti. Nell’estate scorsa passa al Padova dopo la pressione del Ds ex Juventus, Secco. Ai biancoscudati arriva sempre con la formula del prestito con diritto di riscatto. Nel girone di andata ha collezionato ben 13 presenze e 3 sigilli. Calciatore che ha collezionato anche qualche piccola presenza in Nazionale Under16 e Under17. Le caratteristiche tecniche di Ciano vengono dipinte dal suo procuratore, Beppe Galli che lo definisce una mezzapunta e un grande attaccante, ha una tecnica sopra la media, sui calci piazzati mette la palla dove vuole. Il punto di forza del calciatore casertano è il mancino, terrificante, visto che può essere pericoloso da qualsiasi posizione sia con traiettorie potenti sia ad effetto. Può essere definito una prima punta fisica, che gioca e fa giocare con le sue sponde e sfrutta notevolmente il suo fisico. Lo stesso giocatore ha dichiarato di voler crescere nel gioco palla al piede, con un pò più di freddezza può essere il nuovo Quagliarella. Ora la palla passa a De Vito e Bigon.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy